“Il traditore” di Riina e i Corleonesi: Buscetta, il boss morto nel suo letto

immagini.quotidiano.netfoto-il-traditore-5-low-750x4004a469bf2-c1d7-41da-b9bd-6aa17798d672_large

Non sono stato io a tradire, ma la mafia a trasformarsi.   Il tradimento è uno di quegli atteggiamenti che possono cambiare profilo a seconda della prospettiva da cui li si osservi. Perlomeno è stato così nel caso di Tommaso Buscetta, tra i primi – se non il primo – ad aver collaborato con la magistratura e, nella fattispecie, con Giovanni Falcone. Le sue rivelazioni, che hanno portato a numerosi arresti di boss e sicari, sono state bollate come un attacco da “infame” da parte dei capibastone, ritrovatisi improvvisamente dietro le sbarre, ma il leader delle cosche perdenti, finite nel […]

  

“Black mass”, il pirata Depp vende la mafia

z1z2z3z4

-Un patto con l’Fbi… -No, Jimmy. Un patto con me.   Le strade dei bassifondi di Boston creano alleanze. Siamo nel Southend dove la mafia italo americana contende ai ruspanti boss a stelle e strisce un territorio fatto di tutto. Droga. Alcol. Prostituzione. Gioco d’azzardo. Ma soprattutto l’impunità di sentirsi padroni. E tenere in pugno le vite altrui. Laggiù sull’asfalto macchiato di sangue e di birra legami indistruttibili si sono cementati. Esistenze oltre il muro delle professioni. Oltre le scelte. Il crimine e la legge. Quando appartenere all’uno o all’altro è un confine labile e sfumato. Come l’orizzonte di una giornata […]

  

“Come il vento” soffia sulle carceri: vita e morte di Armida Miserere

“Se tu sei il primo a non crederci, quello che fai non servirà a nessuno”           Aver compassione. E’ il significato del verbo latino “miserere”. Assolutamente impersonale, come lo definisce la stessa grammatica. Tuttavia, Miserere è anche un cognome. Lei, di nome, faceva Armida. E aveva 47 anni, nel 2003. Quando si uccise con un colpo di rivoltella alla nuca. Sono in pochi a ricordare questa direttrice carceraria – che oggi definiremmo ideologicamente progressista – con la fama di donna dura e intransigente, convinta però che una casa di detenzione dovesse ricostruire e rieducare il recluso, […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2019