“Parlami di te”, soltanto un cane non tradirà mai il più debole

parla3parla1parla2

La malattia spesso è un crocevia. Un bivio. Le strade che si divaricano però non sono quelle del bene e del male ma le sterzate della vita. Un uomo smette improvvisamente di essere quello che era e diventa un altro. O forse, semplicemente, altro. Scopre piccole e grandi gioie trascurate. Vive di emozioni prima sconosciute. Pregi e difetti restano, o meglio si trasformano. Inutile riflettere su cosa si è perso di buono o che cosa si è guadagnato di cattivo. L’essere umano è sempre un misto degli uni e degli altri. Una legge indefettibile alla quale è impossibile sottrarsi. E ne […]

  

“Euforia” di scoprirsi fratelli diventa merito della malattia

euforia2-e1526396768468-700x430euf2

Due fratelli e un segreto confessabile. Tanto confidenziale da avvicinare due uomini così diversi che più non si potrebbe. In estrema sintesi la trama di Euforia di Valeria Golino potrebbe anche finire qui, in realtà Matteo ed Ettore sono due simbologie di vite differenti allo specchio dell’esistenza. Poi giunge il destino a porre una barriera e quei due ex ragazzi, che mai avevano trovato il modo di intendersi ed entrare l’uno in sintonia con l’altro, individuano la chiave di un dialogo ai primissimi passi nonostante l’età adulta. Presentato all’ultimo festival di Cannes, il film è passato nell’indifferenza generale, salvo suscitare un […]

  

“L’isola dei cani”, un algido cartoon per grandi più che per piccini

can1can2can3

E venne l’influenza canina. Un po’ come l’aviaria. Mucca pazza. Venne e minacciò l’uomo che, con gli animali, è solito usare una via sbrigativa assai. Sopprimerli. Un saggio di questa “abilità” esce cinematograficamente da un recente film francese, Petit paysan di Hubert Charuel dove un allevatore di bovini vedeva la sua mandria attaccata da un virus e successivamente debellata dalle iniezioni dei veterinari di stato. E se le conoscenze sulla patologia sono già scarse in ambito umano, ancor più lo sono in un contesto zoologico. Quindi il terrore di epidemie diventa la molla scatenante della soluzione più estrema. Espulsione. Una morte […]

  

“Il sole a mezzanotte”, quelle lacrime da fiaba per giovani innamorati

_DSC9708.ARW_DSC2311.ARW

Preferisci un viaggio o l’estate più bella della tua vita…   I suoi occhi sul mondo erano una finestra a vetri, dirimpetto sulla strada. A Katie Price la vita aveva giocato un tiro maledetto, sotto forma di una di quelle malattie da cui non si guarisce, ma con le quali si può solo imparare a convivere. Aveva un nome strano – xeroderma pigmentoso – e dietro questo geroglifico scientifico si nascondeva l’ordine di non potersi far sorprendere dal sole. Per questo usciva solo di notte e le tenebre erano la sua luce. Possibilità di guarire zero. La patologia è rarissima […]

  

L’amore, la malattia e il matrimonio: “The big sick” spiega chi vince

big3big2big1

Se è vero che al cuore non si comanda, è altrettanto vero che nemmeno al passaporto si comanda. E se a conquistare i sentimenti è una dolce metà diversa per razza, abitudini e convinzioni, se ne rende conto anche un pagliaccio. Perché Kumail è un cabarettista, costretto a guadagnarsi da vivere come tassista, dal momento che la ribalta non è generosa con chi non ha un nome affermato. Nondimeno, non rinuncia a tentare di far ridere. E quel colpo di fulmine per Emily (Zoe Kazan), americanina bizzarra, diventa un filone di ispirazione inestinguibile per lui, pachistano emigrato negli States con […]

  

“Noi siamo tutto”, madre imprigiona la figlia in una falsa malattia

noinoi-siamo-tutto-amandla-stenberg-maddy-whittier

Sarai di un’altra che ti sorriderà. Io sono malata, perdendo me, non perdi nulla.     Maddy (Amandla Stenberg) ha diciotto anni e soffre di un deficit immunitario che la espone a tutti i virus e batteri. O almeno, così si crede. Risultato. La mamma la isola in una casa totalmente asettica, cucita su misura per lei. Tutto è perfettamente irradiato in modo da non produrre agenti patogeni. Solo tre persone sono ammesse, previa depurazione in una sorta di anticamera che consente l’ingresso soltanto una volta perfettamente sterilizzati. Abiti compresi. L’accesso proibito agli estranei, filtrato attraverso un citofono e la […]

  

“Quando un padre” cambia strada Così la famiglia batte il lavoro

pa1pa2pa3

Il progetto più grande è scaldare il cuore.   La malattia di un figlio e un lavoro che assomiglia a una quotidiana guerra. L’inferno in terra che si coniuga a tutti i malesseri e i malanni che questi due diavoli portano con loro. Conseguenze infami di un disagio che avvelena lentamente. Corrode i cuori. Ossida relazioni collaudate. Incrina matrimoni. Uccide. Ma costringe, al contempo, a restare sotto pressione. Misura la resistenza. Rosicchia la vita che intanto sparisce dietro concitate telefonate per strappare un contratto. Accorcia le ore e i giorni. Tende, come corde di violino, pazienze assassinate dai sospetti. La […]

  

“Ma ma”, la ricetta contro il cancro? Giocare d’anticipo col male del secolo

mama3mama2mama1

-Che fine fa la nostra anima quando si muore… -Continua a vivere, mamma. -E io resterò con te. Vita e morte. Linea di continuità che non s’interrompe nemmeno laddove sembra che la cesura sia netta. Irreversibile. Dove la fine si rivela un nuovo inizio. E la banalità di un concetto inflazionato a parole, rispecchia invece vite e morti che nulla hanno da ridere. Dove la speranza è l’unico commensale mai invitato alla mensa della tragedia. Vita e morte come il rinascere della fenice. Dalle sue stesse ceneri. E se, nell’abbraccio mortale, uno spiraglio di ottimismo esiste, esso risiede proprio in […]

  

“Il nemico invisibile” è la malattia

DOTL-D20-4934-150x150DOTL-D19-4750-150x150DOTL-D16-4116-150x150DOTL-D14-3373-150x150DOTL-D25-6474-150x150DOTL-D03-0506-150x150

Se il torturatore si ammala e il torturato non gode ottima salute. Il cinema e la medicina compiono un passo avanti su una strada che ha profondamente ancorato il cammino di questo binomio. Un segno dei tempi e una testimonianza. Il grande schermo non è divertimento puro e semplice, nemmeno quando sembra avere tutte le caratteristiche per esserlo. Diventa  impronta delle paure. Eco degli incubi sociali di un’epoca e delle patologie correlate a questo scorcio di nuovo millennio. Il nemico invisibile di Paul Schrader – regista già noto per American gigolò nel 1980 e Patty: la vera storia di Patricia Hearst nel […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2019