“Les Mans 66″: per battere Ferrari Ford finì per derubare se stesso

imagesimages-2images-1

Ford contro Ferrari. Lo sfidante e il campione. Metà degli anni Sessanta, quelli dei Beatles e i Rolling Stones ma in Les Mans ’66 – La grande sfida di James Mangold l’unica musica è quella dei motori che si sfidarono sul circuito francese in una corsa estenuante che metteva a dura prova nervi e fisico di piloti e macchine. L’epopea di quella gara rivive in una trascrizione rigorosa e precisa che ricalca da vicino gli avvenimenti che precedettero e seguirono quella edizione. La prima in cui la casa automobilistica americana riuscì a togliere lo scettro al re di Maranello. Da una […]

  

Liberace, un apolide del sesso che ha vissuto “dietro i candelabri”

Ti amo perché mai hai chiuso gli occhi sulle mie disarmonie           Lustrini e paillette. Profumo anni Cinquanta. Amore demodé. E riservatezza. Dietro i candelabri, il buio. Ombre di un sentimento che la luce non può. Non deve. Illuminare. Non erano tempi da uscire allo scoperto, quelli. E Valentino Liberace fu Salvatore, Lee per tutti in America, allo scoperto non uscì mai. Mai sollevò il velo sulla sua omosessualità. Nascosto dietro i candelabri. Dietro fantasmagorici bagni. Dietro piscine con vasche immense e forme curvilinee. Dietro pianoforti disegnati. E pianoforti veri. Ma, finti o reali che fossero, […]

  

Elysium, siamo tutti clandestini

Te l’ho promesso: ti porterò su Elysium… Porqué non olvidas nunca donde vienes..   I sogni, chissà perché, stanno sempre lassù. Nel cielo. In un’altra galassia. Lontano, ma tanto vicino. Anche i paradisi stanno lassù. Nel cielo. In un’altra galassia. Irraggiungibili sempre, ma solo per alcuni. Gli eletti hanno l’ingresso riservato. I più ricchi tra i ricchi. Ricchi contro poveri. Belli contro brutti. Puliti contro sporchi. Sani contro ammalati. Ma soprattutto cittadini contro clandestini. E da questo si capirà che Elysium, film del regista sudafricano di etnia bianca Neill Blomkamp, pur essendo fantascientifico, mira in alto. Molto in alto. Non […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2019