“Il filo nascosto” tra la moda, l’amore e il cibo che profuma di desiderio

filo2filo4filo1

Una casa che non cambia è una casa che muore   L’amore non si cuce con filo e rocchetto. E Reynolds Woodcock, stilista inglese che domina la moda anni Cinquanta, lo impara a sue spese. La mamma che lo aveva lasciato solo al mondo con la sorellina Cyril gli era rimasta vicino. Ma era solo memoria. L’unica forma di sentimento che il sarto aveva saputo sviluppare erano gli anatemi cuciti nei risvolti dei suoi abiti. “Never cursed”. Mai maledetto. E una ciocca di capelli di “beloved mommy” nel risvolto della sua giacca. Reynolds non trovava nulla di inquietante nel fatto […]

  

I rumorosi silenzi di “Salvo”

incorporato da Embedded Video Parole centellinate. Distillate. Piccoli scogli, sparsi dal caso nel mare magnum delle immagini. E dei suoni. Forse perché con la mafia molte parole non servono. Bastano le azioni. Fatte di rivoltelle che sparano. Mitragliette che vomitano proiettili a raffica. Auto usate per uccidere e poi fuggire. Raffinerie come luoghi di segregazione, non di produzione. Cave che si rivelano cimiteri clandestini. Perché anche le sepolture hanno una differente modulazione. Alle tombe classiche si affiancano quelle fantasma. Salvo di Fabio Grassadonia e Antonio Piazza è un film unico nel suo genere. Trama lineare, ancorché priva di originalità – […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2019