“Queen and slim”, amore e razzismo in Thelma e Louise al contrario

queen-and-slimFM_QueenandSlim-12queen-and-slim-movie-hd-stills-5

In una Chicago del “che c’è di nuovo” spunta il razzismo variabile. Già, appunto. Dal classico neri contro bianchi al confine labile dell’odio a buon mercato. Cittadini contro polizia, ad esempio. Perfino quando tutto sembra un gratuito schema libero dove compilare le parole crociate dell’inciviltà. Lui accompagna a casa lei dopo un primo appuntamento che profuma già di opposti. L’onesto commerciante nero Slim (Daniel Kaluuya già visto in Scappa – Get out in cui fu candidato all’Oscar) vorrebbe rivedere l’avvocatessa rampante Queen (l’esordiente Jodie Turner-Smith) non del tutto persuasa però a incontrarlo di nuovo. Fermati nella notte da una pattuglia della […]

  

“Se la strada potesse parlare”: i neri e il razzismo al contrario

beale3beale2beale1

Dobbiamo vivere come sappiamo per poter rendere liberi i nostri figli.   A Beale street, nel cuore di una New Orleans profonda, sono nati in tanti. Per lo più neri. Come Louis Armstrong e il jazz. È diventata un proverbio. Un paradigma. Un mito. Non a caso, quella che racconta Se la strada potesse parlare di Barry Jenkins è una favola ambientata ad Harlem, periferia nera della Grande Mela. E non è un caso nemmeno se il titolo originale del film sia proprio If Beale street could talk. Tra favola e mito, insomma. Purché neri. Perché se c’è di mezzo Jenkins […]

  

“Il diritto di contare”, il genio dei neri manda in orbita i bianchi

diridiri1

Erano i primi anni Sessanta quando il tenente colonnello John Glenn – un passato di guerra in Corea e, prima ancora, nel secondo conflitto mondiale – entra nel cosmo e diventa il primo americano a compiere tre orbite intorno alla terra, eguagliando il nemico sovietico Juri Gagarin. La sfida del cosmo era cominciata, ma se l’astronauta statunitense riuscì nella sua impresa, il merito va anche ascritto a tre donne matematiche, in servizio alla Nasa in quegli anni. Katherine Johnson. Dorothy Vaughan. Mary Jackson. Questi i nomi di una vicenda che non ha nulla di inventato. E poco importa se la […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2020