“Il professore e il pazzo”, la genesi delle parole e dei sentimenti

prof2prof1prof3

If love… then what   Il pazzo era lucido e il professore non era… professore. Insomma, nessuna laurea. Benvenuti nel mondo del relativismo perché se non occorre un accademico diploma per conoscere alla perfezione decine di lingue antiche e moderne ed essere in grado di compilare un dizionario enciclopedico, vuol dire che tutto può accadere. Anche che il miglior filologo sia un detenuto – o forse paziente – di un manicomio criminale, accusato di omicidio pure da se stesso. Proiettili ci furono e cadde un uomo povero. Forse buono d’indole, certo iracondo. Uno di quelli che si dava un gran […]

  

“The guilty”, il cinema fatto di parole finisce per stupire più delle immagini

gui1gui2

Un dramma vissuto al centralino. Asger Holm è un agente che si è ficcato nei guai. Ha ucciso. E per un poliziotto è una macchia non una medaglia. Così si ritrova al centralino. Bocciatura eccellente. E qui inizia la storia di The guilty del danese Gustav Möller perché Holm raccoglie una telefonata in cui una donna denuncia di essere stata sequestrata dal marito crudele. Il neo telefonista prende subito parte alla vicenda della sfortunata e innesca un giro di chiamate tamburellanti ma la verità è completamente diversa. Scopre l’omicidio di un bambino. Buoni e cattivi che si scambiano i ruoli a […]

  

“Napoli velata”, il delitto del playboy nasconde i traumi della patologa

napnap1nap2

Facciamo scendere un velo, non tutti sopportano la verità   Il rapporto tra verità e ossessione assume vari gradi di intensità ma tende a non scomparire mai del tutto. La conseguenza si chiama follia, lucida forse ma pur sempre tale. A questo punto però è vietato operare sillogismi e ridurre le frazioni ai minimi termini. La verità non è follia. E inseguire la prima non significa candidarsi al morbo della seconda. Il nesso fra questi tre personaggi è spesso determinato da illusioni. Fantasmi. Immaginazione. Arrovellate ricerche, nate per scoprire un mistero e inghiottite dal mistero stesso. Napoli velata di Ferzan Ozpetek, […]

  

“Jackie”, il mistero della first lady che regalò la maestà agli Stati Uniti

j1j2

E l’abito rosa confetto si macchio di sangue. Era il 22 novembre 1963, Dallas. Jfk era in visita di stato e alla moglie, Jacqueline, prima della partenza confidò: “Andiamo nella terra dei pazzi”. Lei non si volle convincere. Riceveva mazzi di fiori gialli. Applausi. Sorrisi. Strette di mano. E complimenti. Non volle rendersene conto finché quei due proiettili maledetti distrussero il cranio del presidente. Il primo attraversandogli il collo, il secondo distruggendogli metà della testa. La dinamica di quel delitto è universalmente nota. Come tutto ciò che ne seguì. Nell’ombra rimase il mistero di come una donna di 34 anni, […]

  

“Alaska”, la follia di gettare nel nulla la felicità già conquistata

images-2imagesimages-4images-1

Vite gettate. Sperperate nel mattatoio dei giorni. Inseguendo il denaro e la conquista di uno status sempre migliore. Incontentabilità, più che legittima ambizione a un futuro migliore. Baratro. E felicità che si trasforma in un nuovo inferno. Per ricominciare ad alimentare la speranza verso un avvenire sereno. Alaska di Guido Cupellini è la storia di un amore combattuto. Casuale, inizialmente. Poi convinto. Difficile come tutti gli amori. E i cuori che decidono di unire i loro destini. Un sentimento avviato verso la rottura. Fallito. E quando tutto sembrava compromesso per sempre, ritrovato. Rinato. Fra le mille asperità di una quotidianità […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2019