“A Ciambra”, quella Calabria dei Rom che punta dritta verso gli Oscar

cia2cia3

Calabria profonda. Nella piana di Gioia Tauro convivono tre gruppi diversi di persone. Gli italiani. Gli zingari. Gli immigrati. È storia di tutti i giorni, ma sono comunque i nostri. Giorni. Jonas Carpignano, il regista di A Ciambra, in quella terra di nessuno ci è capitato per caso. Proprio come racconta il film. L’auto rubata con sopra l’attrezzatura di chi, per lavoro, gira un film. Il disastro annunciato si trasforma in un approccio con una comunità impensabile che diventerà ben presto la sua musa ispiratrice. E la scena dell’uomo che riscatta la macchina sottrattagli dai Rom – nelle sequenze è il padre […]

  

L’Oscar a “Moonlight” non stupisce E’ uno schiaffo in faccia a Trump

LLL d 29 _5194.NEFlion3SI5L

La “democratica” Hollywood alza la voce. Gaffe a prescindere, che sono comunque parte integrante dello show, ma alimentano la fame insaziabile dei dietrologi con un piattino molto più che soltanto succulento, il vincitore che non ti aspetti è forse il più logico che si possa immaginare. Vietato quindi gingillarsi con giochi di parole perché – tanto per non usarne uno – la classe operaia non va affatto in paradiso. Almeno in questo caso. Il titolo dell’italianissima pellicola di Elio Petri non spiega affatto ciò che è successo a Los Angeles dove un parvenu ha sbancato le statuette, non tanto numericamente, […]

  

Luci e ombre nella notte degli Oscar tra sorprese, lacrime e retorica

La sorpresa Birdman di Alejandro Gonzales Inàrritu sbaraglia gli Oscar portandosi a casa quattro statuette – tra le più importanti: regia, film, sceneggiatura e fotografia – su nove candidature. A pari merito Gran Budapest Hotel di Wes Anderson – scenografia, colonna sonora, costumi e trucco – e, subito un gradino sotto, il magico jazz di Whiplash di Damien Chazelle con tre – attore non protagonista, montaggio e sonoro – mentre gli altri, ovvero i più quotati in partenza sono rimasti a bocca asciutta o quasi. Questi, sommariamente, i risultati, completati dall’attrice di supporto Patricia Arquette (Boyhood di Richard Linklater), il […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2019