Da quindici generazioni, nella nostra famiglia, il primo matrimonio non è mai quello giusto…         Piangeva, Valerie. A dirotto. Come una fontana. Nonostante fossero passati sei mesi, non le era andato giù che, dopo un pugno di anni di matrimonio, aveva divorziato. Era Natale e Valerie piangeva. Sintetizzato così, Un piano perfetto, seconda fatica cinematografica di Pascal Chaumeil dopo il fortunato Truffacuori del 2010, sembra il solito melenso cocktail di buoni e cattivi sentimenti. Invece il regista, perfettamente a suo agio dopo 25 anni di vita con la stessa donna, guarda in casa d’altri. Di coloro cioè […]