“La caduta dell’impero americano”: l’arte di arrangiarsi dei fuori posto

cad2cad1cad3

Oh, vede, l’intelligenza spesso è un handicap.   Pierre Paul è un buon diavolo, ha 36 anni e non li dimostra, un dottorato in filosofia con la quale fa il fattorino di un’azienda di spedizioni perché è il meglio che c’è sul mercato. In una strana giornata di lavoro, il destino lo mette al momento giusto nel posto sbagliato. Pierre Paul si ritrova sulla scena di una rapina finita male con la borsa del bottino a due passi, due morti sull’asfalto e i banditi in fuga. L’imbarazzo dura pochi secondi. In un attimo Pierre Paul e la sua laurea in […]

  

“Museo”, il valore non è sotto vetro ma è la mancanza del bene perduto

muse2muse3muse1

Nessuno sa quello che ha finché non lo perde.   Il valore del valore. Bisticcio di parole che rischia di rendere il senso di un film perennemente sul pericoloso crinale di essere scambiato per quello che invece non è. Ossia un’opera noiosa e priva di tensione su una rapina andata a segno che lascia però a bocca amara i malviventi. Ebbene si tratta di tutt’altro anche se, in stringatissima sintesi, la trama sarebbe finita lì. Juan e Benjamin, due amici dai tempi dell’infanzia arrivano al punto di rottura delle rispettive vite nel quartiere Satelite di Città del Messico e – […]

  

Vite da incubo in un motel: ecco “Un sogno chiamato Florida”,

flo1flo2flo3

Lungo la highway 192 si stende la ricchezza spensierata dei parchi a tema. Orlando, capitale Disney del nord America, è la stella di un’opulenza fatta di carta e distrazione. Pupazzi che sorridono e scugnizzi a stelle e strisce. Si vive anche ai margini e il motel è la culla di una disperazione mascherata. Sorrisi incoscienti e figli abbandonati a se stessi. Tra le briciole di un fast food che ammannisce cibo spazzatura ai bambini ricchi solo del nulla. Un sogno chiamato Florida è il titolo fuorviante del film di Sean Baker, The Florida project, accompagnato da una locandina altrettanto sconclusionata che […]

  

“Downsizing” rimpicciolisce Matt Damon e pure il talento di Payne

down1DOWNSIZING

La cosa meravigliosa di essere piccoli? È che si diventa ricchi     Il giorno che Paul decise di diventare piccolo, sua moglie si dichiarò entusiasta. Acconsentì al processo di rimpicciolimento, ma all’ultimo momento decise di restare quella che era sempre stata. “Perdonami. Non ce l’ho fatta”. E Paul si ritrovò ridotto di taglia – diciamo una quindicina di centimetri – e divorziato. Causa ed effetto non sono in correlazione, diciamolo. Lo spirito è ben altro e il processo di riduzione dell’essere umano non è certo quello di rompere il matrimonio, ma di risolvere un problema ben maggiore. Planetario, addirittura. Secondo […]

  

“Gold”, storia di una grande truffa: il lupo del Borneo divorato dall’oro

UnknownUnknown-1

Illusione. Speranza. Riscatto. Scommessa. La sfida comprendeva un pizzico di ognuno di questi ingredienti per la sua riuscita. L’orlo del baratro di un fallimento professionale accende la paura e la disperazione, ma alimenta la rivalsa. L’affermazione. Conquistata a suon di cazzotti al denigrante ludibrio, confezionato dagli invidiosi. Da una congiuntura economica sfavorevole. Dai rovesci di una Fortuna da interpretarsi alla latina. Caso. Sorte. Destino. Quasi sempre rabbioso. Quasi sempre beffardo. E allora la ricetta è di quelle tanto frequentate quanto lo è il mondo. Una truffa bella e buona e tanti saluti a ogni barlume di onestà e credibilità. Presunta […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2019