“Ricordi?” la memoria dell’anima

ric1ric3RICORDI? di VALERIO MIELI

I ricordi mentono… col tempo diventa tutto qualunque.   Non sempre serve un nome. Lui e lei non ce l’hanno. La loro storia d’amore è un ricordo. Indelebile. Uno di quelli che affollano gli occhi della mente e non se ne vanno. Per tanti che evaporano come brume di primavera alcuni rimangono intatti e intangibili. Cristallini. Limpido specchio imperlato di lacrime. Lui piange. Volto di un passato triste. Lei ride. Uno ieri sereno abbraccia una memoria che, interrogata, non sa rispondere. Non ricorda quasi nulla ma racconta la sua vita a quel ragazzo solo. In disparte. Abbandonato perfino dal volto […]

  

“Benvenuti a Marwen”: Zemeckis ha fotografato i ricordi rubati

ma3ma1ma2

Il dolore è il nostro combustibile, ci ricorda quanto siamo forti.   Benvenuti a Marwen, una località che non esiste. A crearla non è stata la fantasia ma un incidente. O meglio, un pestaggio indiscriminato. E la storia è una favola postmoderna in cui Cappuccetto rosso è un maschietto e si ubriaca fino a stordirsi. Il bosco è il conflitto mondiale che un nonno ha raccontato nei suoi ricordi di reduce e il protagonista ha vissuto negli anni Settanta come figlio della guerra fredda mentre il lupo è il branco. Quello che assale a tradimento e lascia sul selciato un […]

  

“Ritorno in Borgogna”, il vino buono ricostruisce pure le famiglie

Ritorno in Borgogna di Cedric Klampish (foto di scena)bor2bor3

Da piccolo pensavo che ogni giorno in Borgogna fosse diverso, poi mi resi conto che drammaticamente erano tutti uguali. E scappai   In vino non è sempre veritas quella che inebria. E Jean, il maggiore di tre fratelli torna nell’amata-odiata Borgogna dopo un giro del mondo che gli ha regalato una donna che non lo vuole più e un figlio. Il piccolo Ben, relegato nella remota Australia, non si spiega perché papà attraversi l’oceano. Nessuno gli ha spiegato che esistono i nonni. Lui, il piccolo, vede solo filari di vite e una mamma che ragiona con i cicli stagionali dell’emisfero australe, […]

  

“L’altra metà della storia”: la realtà manipolata dai ricordi annebbiati

meta1meta2

Quando mi guardo indietro, mi commuovo come non credevo che fosse possibile. E pensavo che qualcosa me lo potresti aver insegnato. Ma forse, a modo tuo, lo hai fatto.   Che cosa resta del giorno quando si fa sera. In altre parole, che colore hanno la gioventù e i rapporti sentimentali di quella verdissima stagione quando si è alle soglie della terza età. Insomma, il ricordo di uno ieri lontano che confligge con un presente singolare ha il sapore sorprendente di retroscena svelati a metà. Lo stupore maggiore si ferma davanti a quel segreto che non ha nulla di segreto. […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2019