“Il primo re” in latino sottotitolato: l’attualità di Romolo e Remo

PRI3PRI2PRI7

Io sono il mio destino   Un mito fondativo e due fratelli. Romolo e Remo. Alba di Roma. Il primo re di Matteo Rovere affonda nelle origini di tutto. Storia. Lingua. Civiltà. Guerre. E preghiere. La sfida dell’uomo agli dei. La maledizione degli dei sull’uomo. Il solco che costò una morte fratricida equivalse alla nascita di un impero. E gli aruspici avevano vaticinato che uno dei due avrebbe ucciso l’altro prima di poter diventare, appunto, il primo re. Leggenda e mito. Discendenze imparentate con l’Olimpo. Segni rispettati. Dai conflitti con Alba Longa al legame viscerale che unì fin dalla nascita quei […]

  

007, “Spectre” della disoccupazione: licenza di essere licenziati

images-1images-5images-4images-2images

Saranno i tempi. Sarà il clima. Saranno le psicosi diffuse. Ma 007 licenziato in tronco è difficile da accettare a livello di concetto. E se la manfrina fa capolino all’inizio di quasi tutte le puntate delle avventure dell’agente segreto più celebre del mondo, stavolta sembra che si faccia sul serio. Anche perché si comincia dove si era finito. Addio a Judi Dench e, con essa, alla mitica figura di MI5, ovvero il referente di Bond. Anche stavolta il suo fantasma aleggia, presente in foto e richiami dal suggestivo omaggio. Sia come sia, la sua morte provocata dal perfido di Skyfall, […]

  

Benur e i gladi-attori clandestini

…Ma tra i bielorussi c’è qualcuno che ha la “quinta elementare”…           Minsk-Roma. Centinaia di migliaia di chilometri e due città. Una qualsiasi e una Eterna. E gira proprio attorno a questo aggettivo il valore, il significato e lo spessore di Benur, tutto attaccato, ultimo film del regista napoletano Massimo Andrei che approda sul grande schermo con gli stessi interpreti (Nicola Pistoia, Paolo Triestino, Elisabetta De Vito) che danno vita alla rappresentazione teatrale dello stesso Andrei da cui la sceneggiatura è ricavata. Un sottotitolo, “Un gladiatore in affitto”, che la dice lunga, perché un tempo quegli […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2019