“L’ufficiale e la spia”, le emozioni comuni condannano ancora oggi

Unknown-1Unknownimages

Il confine tra Alfred Dreyfus e Roman Polanski è una sottile linea rossa che non coincide con le comuni origini ebree. Nemmeno con quel cognome di Monnier che compare nel film e nella vita del capitano, condannato per tradimento e poi riabilitato, che fa eco con una delle accusatrici del regista per presunti reati sessuali risalenti – peraltro – a oltre mezzo secolo fa. E neppure con l’errore giudiziario, accertato in un caso e tutto da stabilire nel secondo. Il denominatore comune sta piuttosto in quel collettivo senso delle emozioni che portò la folla al tripudio per la degradazione dell’ufficiale […]

  

“Quello che non so di lei”, Polanski fa sfidare sua moglie con Eva Green

LEI1LEI18LEI19

Non siamo responsabili delle vite degli altri   Due donne e una penna. Metafora di scrittura, perché la prosa è il denominatore comune fra una scrittrice di successo in crisi di ispirazione e una “ghost writer” che mette le sue frasi al servizio di altri. Ma resta sempre nell’ombra. Si dà il caso che quest’ultima sia un’ammiratrice della prima e tenti di soccorrerla nei suoi giorni disperati. La narratrice, in balia di se stessa e dei suoi fantasmi le si affida senza remore, al punto da concederle l’uso del computer e delle sue parole chiave per gestire posta e contatti […]

  

Masochismo e la coppia che scoppia Il sogno della “Venere in pelliccia”

Non potrai mai sentirti al sicuro nelle mani di una donna         In principio era il masochismo. In principio era il sogno. Venere esisteva solo lassù, nella sfera onirica. Dimensione irraggiungibile. In principio era Leopold von Sacher-Masoch e il suo era un romanzo erotico. Correva il 1870. E il feticismo era molto più che semplice trasgressione. Tanto meno era un modo di intendere un’attrazione o una relazione sessuale. Venere in pelliccia era un racconto autobiografico, la storia di un’astrazione che il protagonista racconta a un amico, confessandogli quel desiderio insano di provare piacere nel sentirsi schiavo di […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2019