“Maria regina di Scozia” divorata dagli intrighi a corte e dal gossip

mar1mar2mar3

Solo attraverso la sofferenza conosciamo la gioia   La fragilità della donna. Gli artifici “politici” degli uomini. I buchi neri dove scivolano tolleranza e liberalismo. L’odio interreligioso. Gli anni di regno di Maria Stuart sul trono di Scozia furono brevi ma vibranti. Tornata a casa nel 1561, dopo essere rimasta vedova del marito Francesco II la sovrana cerca vanamente di dar vita a un governo che sappia dare corpo davvero all’essenza pluralista. L’accettazione pacifica di fedi diverse in ogni declinazione. Cattolica, ma permissiva e di ampie vedute, forse dono della permanenza alla corte francese, Maria entrò nel mirino degli invidiosi […]

  

“Chesil beach”, sull’ultima spiaggia di un matrimonio appena nato

che3che1che2

All’ultima spiaggia non sempre si arriva anziani. La sconfitta non conosce anagrafe né carte d’identità e arriva al di qua e al di là di quel mistero che si chiama esperienza. E nemmeno è detto che sugli aspri lidi della delusione ci si ritrovi soli. I drammi non sono fenomeni individuali dell’interiorità e su Chesil beach approdano due giovani pieni di speranze e di emozione, ma poveri del resto. Perché i sogni non si fanno con la cartapesta dell’illusione. Il film di Dominic Cooke è la storia di una vita sfiorata. Due cuori accoltellati da un unico pugnale. Florence (Saoirse Ronan […]

  

“Lady Bird”, la ribelle diciassettenne che si piega soltanto alla nostalgia

lady-birdbird1bird3bird2

Non tutti sono nati per essere felici.   Nostalgia canaglia a stelle e strisce. Sembra che non si possa avere diciassette anni in santa pace e forse l’equivoco è tutto lì. Quell’ultimo passo prima della maggiore età non fa rima con la quiete. Il prurito di una ribellione non sempre benefica. La Grande Mela come antidoto alla provincia. Libertà e affrancamento dal “vietato ai minori”. Ma soprattutto lacerazioni famigliari. Christine aveva cominciato cambiandosi il nome. Non si voleva riconoscere in quello che le era stato imposto dai genitori. Perché quella donna che le aveva donato la vita le aveva regalato […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2019