Lucas Belvaux: “Vanno accolti gli immigrati che accettano le regole”

Lucas_Belvaux_2013

Sono piccoli piccoli gli eroi dei film di Lucas Belvaux. Hanno volti da gente comune. E raccontano storie normali. Lo era la parrucchiera di Sarà il mio tipo? Lo è l’infermiera di A casa nostra che, non a caso, è la stessa attrice, Emilie Dequenne. Il film porta in primo piano la prospettiva francese su immigrazione, xenofobia, populismo. Temi italiani perché, semplicemente, attuali. E di tutti. Né destra né sinistra è l’equazione che potrebbe portare all’Eliseo il Fronte nazionale. Ne ha paura un regista belga come lei. «Vivo in Francia da quarant’anni e lo considero il mio Paese, pur essendo nato in […]

  

“Sarà il mio tipo?”: l’imbroglio delle farfalle

z2z6z3z4z1

“Non amo nessuno. Sono un mostro”. E se Cupido, in realtà, fosse cieco…. Se avesse zero diottrie e scagliasse saette nel mucchio… Appunto, alla cieca… Il quesito è ricorrente. Nella mente degli innamorati si affaccia spesso. A più riprese. Ossessionante. E nei momenti più strani si tornano a domandare se quella o quello sia davvero la persona giusta. Naturalmente, la risposta non c’è mai. Almeno nell’immediato. Occorrono mesi – talvolta anni – per scoprire un verdetto del quale peraltro non si è mai sicuri al cento per cento. E’ sicuro invece al cento per cento che Sarà il mio tipo? […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2019