Lo sguardo dei Coen su Hollywood: “Ave Cesare! Il cinema ti saluta”

ave1ave2ave5ave6ave7

Se il cinema è popolato di storie,  Ave Cesare! di Joel ed Ethan Coen è uno specchio. In esso si riflettono l’uno e le altre con un gioco a incastro che riesce a capovolgere i misteri dell’eterogeneità, riversandoli in un racconto che si sforza di essere invece omogeneo e compatto. Elementi solo all’apparenza disarticolati trovano un’insospettabile coesione proprio nel desiderio di raccontare che cosa stava dietro le quinte dell’era d’oro di Hollywood. Non c’è alcuna apparenza di autoreferenzialità, però, nei fotogrammi dei due registi. Piuttosto è metacinema, ossia un cinema che parla con ill linguaggio del cinema. Scanzonato come nello […]

  

La donna che ha sconfitto il tempo Nome di battaglia: “Lucy”

Miliardi di anni fa ci è stata donata la vita. Ora sapete che cosa farne.           Scienza e quotidianità. Forse cronaca. Droga e scientificità. Potenzialità cerebrali e trafficanti dal volto truce affiancato da chirurghi con lo lo sguardo persuasivo. Traffico di stupefacenti sintetici in cui i corpi umani, maschili e femminili diventano scatole. Contenitori. Passaporti e passaggi per esportare la polvere del nuovo choc e della nuova febbre di sere a cento all’ora. L’eroina è il passato. La cocaina sembra fuori moda. La nuova frontiera è sintetica. Si chiama CPH4, una sostanza naturale prodotta in bassissima […]

  

“Under the skin”, un alieno in viaggio

In questo bosco può restare sola con i suoi pensieri. Non si perderà, il percorso è ben segnalato       Una donna demoniaca, affascinante e silenziosa, rapisce uomini soli per condurli nell’abisso della perdizione. Il baratro però non è un letto peccaminoso dove la mantide consuma il suo pasto e compie il suo tragico rito di divorare il compagno. E’ piuttosto un sarcofago fatto di un liquido denso, simile a cioccolata.  Laura vi cammina in superficie dopo essersi denudata e aver attirato nella sua scia il malcapitato che agogna al talamo. Ma inevitabilmente affoga nel lago. Profonda pozza di […]

  

“Don Jon”, quel dongiovanni hard capace di amare soltanto le sue mani

Per chi è convinta che esista ancora un beneducato principe azzurro…  oh yes! Per chi pensa che l’Amore sia una coppia di cavalli bianchi che trainano un cocchio, ma poi scoprono che il calesse è senza ruote… oh yes! Per chi crede che il computer serva solo a inviare lettere, pardon mail… oh yes! Per chi crede che il sesso non c’entri con il computer, come il reale con il virtuale… oh yes! Per chi ritiene che i sogni d’amore oggi si inseguano su un surf telematico… oh yes! Ebbene, per tutti voi, Don Jon di Joseph Gordon-Levitt non è […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2019