“Capharnaum”, bambino si racconta A Cannes 2018 il traffico di minori

caf1caf2

Pensavo che fossimo destinati a crescere tra uomini che si amano e si rispettano, ma ho visto che questo mondo è un orrore.   “Chiedo che questa coppia non faccia più figli. Non li merita”. L’essenza di Capharnaüm sta in questa domanda al magistrato fatta dal piccolo Zain, un ragazzino di dodici anni che la vita ha buttato su una strada. Ha lasciato crescere tra le pieghe di una società che i bambini li vende. Li tratta come merce di scambio. E non se ne vergogna perché ha saputo convincere se stessa e altri che, talvolta, disfarsi di loro può essere una nuova opportunità. Dolce […]

  

“Insyriated”, guerra di una famiglia asserragliata in casa sua

INSI1INSI2

La guerra si combatte porta a porta, nulla è più come prima e l’appartamento diventa un bunker. A insidiarlo non sono però i combattenti che, dall’alto del sibilo inquietante delle armi, risultano addirittura meno terrorizzanti dei criminali che vivono ai margini del conflitto. S’intrufolano ovunque per rubare stracci della disperazione di chi è fuggito o è morto. Non rinunciano a violenze o abusi fisici. Insomma il lato turpe – peraltro unico – di devastazioni e saccheggi. Insyriated del belga Philippe van Leeuw ha raccolto consensi alla Berlinale ed è lo sguardo su questa realtà attraverso il claustrofobico soggiorno di una famiglia […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2020