“Ready player one”, i volti e le storie nascosti dietro una password

Ready-Player-One-1280x745ReadyReady-Player-One-Video-Game-References-Blanka-640x360Ready-Player-One-Battletoads

Mi sono rifugiato nel virtuale, ma ho capito che solo nella realtà si  può mangiare un pasto decente. La vita è molto meglio di una simulazione.   Come un videogioco in cui vita reale e e virtuale si fondono e si confondono. Il confine dove finisca l’una e cominci l’altra è labile come vapore all’orizzonte. Nel 2045 una società morta di noia e povertà sopravvivrà dimenandosi davanti al nulla ma immaginando che sì, sta combattendo contro robot agguerriti. Droni impazziti. Mostri giganteschi. A caccia di una monetina. Una chiave. Un uovo magico. E un’eredità. Qualcosa che potrebbe valere quanto Facebook […]

  

“The Post”: quando l’informazione intralcia l’interesse dei politici

POST1THE POST

La guerra in Vietnam non era ancora in archivio che i “Pentagon papers” sconvolsero il mondo dell’informazione e della politica. Robert McNamara, segretario alla Difesa nell’amministrazione Kennedy, ordinò una ricognizione documentale sulla presenza e la strategia delle forze militari americane in quella porzione del Sud Est asiatico. Un impegno monumentale che restò a lungo sepolto nel silenzio, al punto che sia JFK sia Lyndon Johnson ne ignoravano l’esistenza. Emersi in seguito a una fuga di notizie e comparsi sul New York Times, provocarono uno scompiglio totale che mandò in tilt i rapporti del presidente Nixon, vincitore delle presidenziali americane nel […]

  

Il Grande gigante gentile è un “nano” che ha complessi di inferiorità

ggg4ggg1ggg3ggg2

Mai andare alla finestra. Mai sporgersi oltre le tende.     Non aveva un nome. Ed era un “nano”. Il più piccolo dei giganti. Non mangiava carne e forse per questo non aveva un nome. Inghiotticicciaviva. Vomitoso. Ciucciabudella. Tritabimbo. Crocchiaossa. San Guinario. Erano tutti più grandi di lui. Ed erano cannibali. O forse è meglio dire che si cibavano di umani, visto che non si nutrivano dei loro simili. E così, lui, l’unico gigante vegetariano non meritava nemmeno di essere nominato. Divenne il GGG, ovvero il Grande Gigante Gentile. Anche se era uno zotico. Un po’ selvaggio e un po’ […]

  

Lincoln e il prezzo della schiavitù, secondo Spielberg

incorporato da Embedded Video   “Cose uguali a una stessa cosa, sono uguali tra loro”. In principio era la geometria. L’assioma di Euclide. Ma Steven Spielberg lo applica alla Storia. E con un certo successo. Il postulato finisce tra le corde di Abraham Lincoln nel kolossal biografico del regista americano, nelle sale italiane da giovedì 24. E il teorema del matematico greco serve stavolta a dimostrare altro. Cioè che il tredicesimo emendamento della Costituzione americana è plausibile. E, perciò, umano. Il nero, in buona sostanza, è uguale al bianco. Cose uguali a una stessa cosa – l’essere umano e i […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2019