“Gold”, storia di una grande truffa: il lupo del Borneo divorato dall’oro

UnknownUnknown-1

Illusione. Speranza. Riscatto. Scommessa. La sfida comprendeva un pizzico di ognuno di questi ingredienti per la sua riuscita. L’orlo del baratro di un fallimento professionale accende la paura e la disperazione, ma alimenta la rivalsa. L’affermazione. Conquistata a suon di cazzotti al denigrante ludibrio, confezionato dagli invidiosi. Da una congiuntura economica sfavorevole. Dai rovesci di una Fortuna da interpretarsi alla latina. Caso. Sorte. Destino. Quasi sempre rabbioso. Quasi sempre beffardo. E allora la ricetta è di quelle tanto frequentate quanto lo è il mondo. Una truffa bella e buona e tanti saluti a ogni barlume di onestà e credibilità. Presunta […]

  

“Money monster”: i delitti del denaro

mon1mon2mon3mon4

Quanto vale la mia vita, vediamo… L’aggressione è vera, ma la bomba è un gioco. Il confine fra conoscenza e finzione è fragile. E sta tutto qui. In un attentatore che irrompe negli studi televisivi di una trasmissione di successo, minacciando di far saltare in aria la baracca. E obbligando il conduttore a indossare un giubbotto esplosivo di cui egli tiene in mano il detonatore. La paura corre sul filo, ma il motivo scatenante non è il terrorismo bensì l’ira. L’attentatore è un piccolo investitore, turlupinato dalle parole un po’ cinematografiche e un po’ ammiccanti di un anchor man superficiale. Si […]

  

“Alaska”, la follia di gettare nel nulla la felicità già conquistata

images-2imagesimages-4images-1

Vite gettate. Sperperate nel mattatoio dei giorni. Inseguendo il denaro e la conquista di uno status sempre migliore. Incontentabilità, più che legittima ambizione a un futuro migliore. Baratro. E felicità che si trasforma in un nuovo inferno. Per ricominciare ad alimentare la speranza verso un avvenire sereno. Alaska di Guido Cupellini è la storia di un amore combattuto. Casuale, inizialmente. Poi convinto. Difficile come tutti gli amori. E i cuori che decidono di unire i loro destini. Un sentimento avviato verso la rottura. Fallito. E quando tutto sembrava compromesso per sempre, ritrovato. Rinato. Fra le mille asperità di una quotidianità […]

  

Quell’inganno di “American hustle”: il lato negativo degli Stati Uniti

La gente crede soltanto a ciò cui vuole credere…           Amore e inganno. Amicizia e inganno. O forse inganno e basta. Come dietro ogni piega della vita. Come in ogni piega di una quotidianità individuale o collettiva. Quel leggero confine oscillante tra la verità e ciò che sembra vero. Tra spontaneità e artificio. Quella soglia vacillante e labile che sa di truffa  o di illusione. E la truffa, come l’illusione, al cinema, hanno sempre avuto parti di grande rilievo.  Per American Hustle – L’apparenza inganna di David Owen Russell, il regista che l’anno scorso portò all’Oscar […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2019