Il socialismo municipale: dalle auto alle piscine

Perché il Comune di Milano deve erogare, con Atm, un servizio di “car sharing” quando notissime case automobilistiche sono interessate a entrare in questo mercato? Di più: perché il Comune deve gestire un monopolio del trasporto pubblico locale? Perché non metterlo a bando? Ha senso che il Comune prepari direttamente, tramite una sua partecipata, decine di migliaia di pasti ogni giorno (Milano Ristorazione)? Non potrebbe appaltare il servizio? E ancora: deve per forza gestire impianti sportivi e palestre (Milanosport) o basterebbe introdurre un “buono sport” per consentire alle persone meno abbienti di praticare lo sport? Sono le domande emersa da […]

  

La raccolta dell’umido arriva a nord ovest

Milanesi, attenzione. da lunedì anche i residenti del a nord ovest della città, dovranno raccogliere l’umido. stiamo parlando dell’intera zona 8 e di parte delle zone 1, 7 e 9.  I quartieri coinvolti sono Affori, Bovisa-Dergano, Bruzzano, Comasina, Figino,Gallaratese-Bonola, Quarto Oggiaro, San Siro, viale Certosa, corso Sempione e via Sarpi per un totale di 180.000 famiglie, 1.024 vie e piazze, complessivamente  8.930 numeri civici.  In pratica 310.000  residenti da lunedì saranno chiamati a differenziare la frazione organica dei rifiuti. La raccolta dell’umido sta imprimendo una forte spinta alla raccolta differenziata, che nel mese dimaggio ha raggiunto la percentuale del 50%, […]

  

Goodbye Province? Renzi ci prende in giro

“Questa città metropolitana è incostituzionale”. La sentenza, è proprio il caso di chiamarla così, non arriva da un passante ma dal presidente emerito della Corte costituzionale, Valerio Onida, che per l’equilibrio e l’onestà intellettuale è stimato trasversalmente, nonostante il suo recente impegno politico a sinistra con la candidatura a sindaco di Milano nel 2011. Il verdetto di Onida travolge la reputazione già pessima dela legge Delrio, quella che sancisce la tormentata e un po’ pasticciata cancellazione (a parole) delle Province, sostituite nei centri maggiori dalle città metropolitane. È proprio un bel colpo, dunque, il saggio (“Goodbye Province”) con cui Silvia […]

  

Il nostro caro “nemico” Pisapia

“Sento che tutto, tranne la vostra cortesia, è contro di me”. Ha usato la citazione e i toni giusti, ieri, Giuliano Pisapia, salutando da sindaco di Milano le celebrazioni per i 40 anni del “Giornale”, che della città è un pezzo importante. Ha usato toni da seduttore e una gran dose di autoironia e ostentata timidezza, dicendosi perfino sorpreso per gli applausi con cui lo ha accolto un teatro Manzoni pieno di firme, cronisti, amici e ammiratori del nostro quotidiano. E chissà cosa si aspettava? Ne ha ricevuto più d’uno, di applauso. D’altra parte ha confessato di essere un accanito […]

  

Assessori di fiducia per la Provincia morente

Tre nuovi assessori in Provincia. Per gestire (con poteri di ordinaria amministrazione) la fase transitoria che segnerà la liquidazione istituzionale dell’ente, in vista del passaggio alla Città metropolitana, il presidente Guido Podestà ha nominato – nell’ultimo giorno utile per farlo – tre nuovi assessori. Si tratta di Marzio Ferrario, Marilena Ganci e Giuseppe Marzullo. Subentrano a Paolo Del Nero, Giovanni De Nicola e Luca Agnelli. Per i primi si tratta di un avvicendamento deciso da Podestà, Agnelli invece ha lasciato per andare a fare l’assessore a Pioltello. Ferrario, 26 anni, consigliere di zona 9, è da tempo uno stretto collaboratore […]

  

Milano, 770 milioni di tasse e un fallimento

A volte le analisi sono più semplici di quanto crediamo. Potremmo discutere ore e ore di ogni singola scelta di Palazzo Marino ma ora (ne abbiamo parlato ieri sul Giornale cartaceo) siamo di fronte a un’evidenza gigantesca, che peserà non poco al momento delle elezioni comunali: i milanesi nel 2014 stanno pagando 770 milioni di tasse in più rispetto al 2010, ultimo anno dell’era Moratti. Erano meno di 600 milioni allora e ora siamo quasi a un miliardo e 400 milioni. Più che raddoppiato dunque il peso dei tributi locali su cittadini e aziende della città (senza considerare gli aumenti […]

  

La prima istituzione schierata con gay e lesbiche

Eccola, la bandiera arcobaleno esposta nel Consiglio di zona 2. Esteticamente il gesto non sembra avere niente di solenne (è solo appoggiata a una finestra) ma questo simbolo ha un suo preciso significato e ha fatto molto discutere. E’ la prima volta infatti che che un’istituzione milanese si schiera così, ufficialmente, dalla parte delle organizzazioni di gay, lesbiche, bisessuali e transessuali. La bandiera arcobaleno – spiega il vicepresidente, Yuri Guaiana – “rimarrà in bella mostra per tutto il festival mix e la pride week“, cioè la settimana dell’orgoglio omosessuale che anche a Milano viene celebrata con iniziative di varia natura. “Solo […]

  

I “Grillini”, i Radicali e la scatoletta di tonno

Ha impressionato molti la vicenda delle multe per i manifesti elettorali di Giuliano Pisapia affissi (come altri) in modo abusivo e per questo sanzionati dai vigili. Il caso è stato raccontato con tutti i dettagli dal Giornale: si parla di multe per circa 500mila euro che sono state sostanzialmente annullate dagli uffici comunali a poche ora dalla scadenza, quando al sindaco non sarebbe rimasta alternativa fra il pagamento e le dimissioni per contenzioso con l’ente che guida. Fra tanto aspetti amministrativi della vicenda ce n’è anche uno politico che merita di essere sottolineato: il caso è stato sollevato da un consigliere radicale, Marco Cappato, […]

  

Ci fanno perfino votare (ma quando?)

Sì all’elezione per il sindaco della “Grande Milano“. Giuliano Pisapia, bontà sua, apre alla possibilità che il capo dell’amministrazione della più grande area urbana d’Italia (dopo Roma Capitale) sia scelto dai cittadini. “Personalmente – ha concesso – ritengo indispensabile inserire nello Statuto l’elezione diretta del sindaco metropolitano, per una maggiore legittimazione e per la più alta partecipazione possibile dei cittadini”. La cosa non è così scontata, è vero. La normativa, in effetti, stabilisce un’alternativa. Il sindaco, infatti, può essere di diritto il primo cittadino del Comune capoluogo, oppure può essere eletto dai cittadini di tutta la città metropolitana (un territorio […]

  

Cermenate, se le periferie sono dimenticate

La notizia di cronaca l’abbiamo raccontata sulle nostre pagine (di carta) quindici giorni fa: la linea sostitutiva del tram 3 – momentaneamente cancellato per i lavori di piazza XXIV maggio – sfratta il mercato di via Tabacchi. Le bancarelle dovrebbero spostarsi dalla traversa di via Meda un po’ più a su in viale Cermenate, che vedrebbero così raddoppiare i disagi per i residenti. Il viale infatti che ospita il mercato settimanale del mercoledì  raddoppierebbe con l’appuntamento del sabato. Gli ambulanti hanno presentato in Consiglio di zona 5 sessanta firme con cui certificare la propria contrarietà al progetto di spostamento. Così […]

  

il blog di Alberto Giannoni © 2018