Amir, italo-tunisino che sfila con la Brigata ebraica

amir

Un giovane italo-tunisino con la Brigata ebraica. Accade anche questo, per fortuna, nel 25 aprile di Milano. Mentre da un lato i soliti quattro gatti proseguono lo stanco rituale delle contestazioni, dall’altro lato è sempre più nutrita la partecipazione dietro allo striscione che rievoca il contributo dato alla Liberazione della formazione sionista. Ieri, oltre alla Comunità ebraica, agli Amici di Israele e alla Associazione milanese Pro Israele rappresentata da Alessandro Litta Modignani, con la Brigata c’erano tanti cittadini comuni. E diversi politici: un leader nazionale come Benedetto Della Vedova, di Più Europa, eletti in parlamento come Andrea Orsini, o in Comune come […]

  

Milano capitale della battaglia contro l’antisemitismo

ebraica

L’antisemitismo nuova emergenza.  Di nuovo emergenza. Sono passati 70 anni dall’apertura dei cancelli nei campi dell’orrore. E le Giornate della memoria, a parole celebrate da tutti (o quasi) stanno lì a ricordarcelo. Non basta però. E troppi ricordano il dramma (senza eguali) della shoah nazista, senza vedere l’odio e la propaganda che ancora oggi vengono agitati in tante parti del mondo contro gli ebrei. Milano oggi non è indenne da un rigurgito antisemita, come dimostrano le vergognose contestazioni, al limite della violenza fisica, inscenate il 25 aprile contro la Brigata ebraica e i reduci dei campi di sterminio. Milano, però, si fa […]

  

L’appello alla mobilitazione antisemita

ebraica

La contestazione a colpi di insulti alla “Brigata Ebraica” è stata una vergogna del 25 aprile. Nell’anniversario della Liberazione, dietro le insegne della formazione partigiana ebraica si era raccolta in pratica la comunità ebraica milanese, eppure una manciata di militanti dei centri sociali – quel giorno – aspettò letteralmente al varco di piazza San Babila quella sparuta, pacifica delegazione. E inscenò un indecente assalto, che fu solo verbale grazie alla presenza di un cordone di polizia. Quell’episodio, non inedito, resta come una macchia delle manifestazioni. Eppure il bis è giù pronto. La data è già fissata sul calendario: il 19 settembre. L’ha segnata una […]

  

I fascisti dell’antifascismo e la Brigata Ebraica

nahum

I fascisti si dividono in due categorie: i fascisti e gli antifascisti. L’aforisma di Ennio Flaiano è paradossale ma non meno vero. E’ stato sperimentato di persona da tutti coloro che in questi anni hanno assistito allo spettacolo del corteo del 25 aprile a Milano. La Liberazione è stata trasformata sempre più in una festa dell’intolleranza ideologica e politica, un’occasione per escludere, ghettizzare – o peggio insultare e aggredire. Non solo, attenzione, la destra “post-fascista” (e non avrebbe avuto comunque un senso…) ma tutti coloro che stanno a destra dell’area antagonista, dei collettivi, dei centri sociali – quindi praticamente tutti, compreso il centrosinistra […]

  

il blog di Alberto Giannoni © 2019