Serve l’alleanza dell’islam moderato

ismail

Serve un nome, un numero di telefono da chiamare, un indirizzo. Serve un volto dell’islam moderato. Ne hanno bisogno Milano e soprattutto i musulmani che vivono e lavorano in città. L’estenuante tema-moschee ha coinciso fin dall’inizio con la difficoltà di un dialogo chiaro con un interlocutore credibile. Nell’era Pisapia, col piano dell’assessore Pierfrancesco Majorino, al centro della scena c’era il coordinamento dei centri islamici. Il Caim ha avuto oggettivamente successo e sovraesposizione mediatica. Oggi però attraversa la sua crisi di credibilità. Ha rotto da anni i rapporti con la comunità ebraica, per esempio, ed è gravato da una storia di […]

  

Che Dio sia con te (nelle urne)

sumaya

Si è detto e scritto molto sulla candidatura di Sumaya Abdel Qader, responsabile cultura dei centri islamici milanesi. La scelta di schierarla ha suscitato grandi malumori in un pezzo di Pd, che resta coperto e in silenzio solo per carità di partito: aprire una contesa del genere a un mese dal voto significherebbe coinvolgere esponenti di primo piano del centrosinistra milanese (mettendo in gravi ambasce anche il candidato Beppe Sala). La dirigente islamica infatti (nei manifesti si presenta con un bel velo colorato) è sponsorizzata direttamente dall’assessore Pierfrancesco Majorino, già candidato alle primarie, oggi (curiosamente) capolista e artefice del (fallimentare) piano-moschee del Comune. A […]

  

Rispunta la moschea abusiva?

E’ stata riaperta la moschea di via Maderna? Mentre tutti discutono dei progetti più noti, che vorrebbero cupola e minareto realizzati in viale Certosa o a Lampugnano, in zona Mecenate il centro islamico che era stato chiuso torna a essere frequentato. E’ quello che segnalano alcuni residenti della zona 4, riferendosi a ieri: “Alle 14.30 dal quel centro uscivano molte persone che molto probabilmente si erano riunite in preghiera. Il Caim (il coordinamento dei centri islamici, ndr) continua a ripetere che non esiste nessuna moschea lì. Peccato che le persone che entrano in quel magazzino siano qualche centinaio. Si richiede […]

  

il blog di Alberto Giannoni © 2020