Sala, l’operazione-simpatia non basta

La luna di miele mediatica di cui ancora gode Matteo Renzi irradia anche una cerchia importante dei suoi amici. Ed è stata chiaramente un’operazione simpatia quella di cui Giuseppe Sala ha beneficato nei giorni della scalata milanese del premier, che per la chiusura di Expo è salito a Milano con un miliardo e mezzo di euro da sbattere sul tavolo per sedurre la città, in procinto di scegliere il suo sindaco. Una partita di questa portata sul dopo Expo è chiaramente in linea con un’ambizione forte del leader Pd, deciso a prendersi Milano, politicamente parlando, liquidando così l’esperienza “arancione” di Giuliano Pisapia, frutto di una stagione […]

  

Consiglio metropolitano: i candidati

Le candidature per il Consiglio della Città metropolitana si vanno definendo. Ne abbiamo dato conto ieri sul Giornale: Il gruppo consiliare Forza Italia ha indicato all’unanimità Pietro Tatarella e Armando Vagliati per le elezioni del Consiglio della città metropolitana che si terranno a settembre. «Nei prossimi giorni – dicono il coordinatore Giulio Gallera e il capogruppo Fabrizio De Pasquale – porteremo al coordinatore regionale Mariastella Gelmini e al coordinatore provinciale Luca Squeri le nostre indicazioni dei due consiglieri Tatarella e Vagliati quale espressione del Comune e chiederemo che Milano abbia due rappresentanti in Consiglio metropolitano dal momento che il capoluogo […]

  

Un sindaco partito dal Consiglio di Zona?

I quartieri e le zone. I temi cari a questo spazio tornano (almeno tre volte) nel discorso che Giulio Gallera, coordinatore cittadino di Pdl e ora di Forza Italia, ha fatto al Giornale tre giorni fa a proposito del nuovo sindaco di Milano (che lui auspica ovviamente di centrodestra). Intanto il consigliere comunale e regionale è convinto che la sinistra abbia deluso (soprattutto) proprio dove aveva illuso di poter incidere davvero,  ovvero nelle periferie e nei quartieri, mentre il centro città – secondo l’opposizione – sarebbe un po’ al centro di tutti i pensieri dei “radical chic” (sebbene anche in centro […]

  

il blog di Alberto Giannoni © 2019