La guerra tra le grandi aziende del settore tecnologico si combatte a colpi di acquisizioni, al grido di “quello che non riesco a battere, lo compro”. È una delle strategie che ha portato Google a diventare quello che è. Basti pensare al caso di YouTube.

Cos’, quando Apple e Facebook hanno gettatto l’occhio su Waze – un “navigatore social” in grado di competere con Google Maps – da Mountain View non ci hanno pensato un attimo e hanno fatto una controfferta. Oltre un miliardo di dollari, pare, per acquisire l’azienda israeliana e soprattutto impedire alla concorrenza di competere nel settore delle mappe online.

 Ma cos’è Waze e perché è così importante per Google? Si tratta di un’app nata qualche anno fa e in poco tempo ha conquistato oltre 34 milioni di persone in tutto il mondo. Attraverso il gps del telefonino ha permesso di “mappare” le principali città e creare un’alternativa economica ai tradizionali navigatori. Con in più la possibilità di avere in tempo reale – grazie alla segnalazione degli altri utenti – informazioni su traffico, incidenti, lavori e quant’altro, in modo eventualmente di cambiare il nostro percorso.

Grazie a questa tecnologia, quindi, Google potrebbe rendere “social” anche il servizio Maps, finora quello che ha subìto meno cambiamenti significativi dalla sua creazione. “Immaginatevi se fosse possibile avere informazioni in tempo reale sul traffico dai vostri amici e dalle persone che sono davanti a voi”, si legge sul blog ufficiale.

Con buona pace di Facebook. E di Apple che, dopo il flop delle sue Mappe, dovrà trovare un’alternativa valida.

Tag: , , ,