Da anni ormai colossi come Apple, Google e Microsoft cercano di mettere le mani sul “focolare domestico” dell’epoca moderna: il televisore.

Ci hanno provato attaccando una “scatoletta” (un cosiddetto media center) connessa a internet, che potesse fare da hub di contenuti on demand, sul web o di proprietà dell’utente. Ci hanno provato mettendo il computer dentro il televisore, come in tutte le smart tv di ultima generazione, creando delle app ad hoc. Entrambi non hanno avuto molto successo, probabilmente perché l’idea di spendere almeno un centinaio di euro per un altro dispositivo o le attuali interfacce utenti scoraggiano l’uso di questi strumenti.

Ma oggi Google ha presentato, insieme al nuovo Nexus 7 e a Android 4.3, un oggettino che promette di rivoluzionare il modo in cui usiamo la tv.

Si tratta di Chromecast, un piccolo apparecchio (una sorta di chiavetta usb, per intenderci) da attaccare direttamente alla presa HDMI, di cui ormai sono dotati praticamente tutti i televisori. In questo modo potremo connettere alla tv lo smartphone, il tablet o persino il notebook e usare lo schermo del televisore come “proiettore” di contenuti multimediali in streaming sul nostro device. Il tutto senza perdere la possibilità di usare contemporaneante le altre app.

Un sistema che, oltre ad essere di semplice utilizzazione, è anche universale visto che è possibile usarlo da qualsiasi dispositivo (sia esso iOs o Android, Windows o Mac) che abbia la possibilità di usare YouTube. Il costo di questo gioiellino? Appena 35 dollari. Peccato che al momento sia disponibile solo negli Stati uniti.

http://www.youtube.com/watch?v=cKG5HDyTW8o

Tag: , , ,