Da anni ormai colossi come Apple, Google e Microsoft cercano di mettere le mani sul “focolare domestico” dell’epoca moderna: il televisore. Ci hanno provato attaccando una “scatoletta” (un cosiddetto media center) connessa a internet, che potesse fare da hub di contenuti on demand, sul web o di proprietà dell’utente. Ci hanno provato mettendo il computer dentro il televisore, come in tutte le smart tv di ultima generazione, creando delle app ad hoc. Entrambi non hanno avuto molto successo, probabilmente perché l’idea di spendere almeno un centinaio di euro per un altro dispositivo o le attuali interfacce utenti scoraggiano l’uso di questi […]