Il dibattito di questi giorni sul contratto di governo diciamo che mi appassiona fino ad un certo punto. Ne scriverò in dettaglio tra pochi giorni e posso dirvi che il giudizio è negativo. Quello che mi interessa dirvi è che esiste una comunità di ragazzi e ragazze, molto giovani, che fa politica in modo diverso. Che fa politica partendo dalla formazione, dalla cultura e dalle capacità individuali. So che sto facendo autopromozione, ma in fondo noi siamo fan del capitalismo e del marketing e quindi va benissimo così. Parlo di Blu Lab, l’associazione che ho fondato e di cui sono presidente.

Chi non prende posizione nella vita, così come in politica, non va troppo lontano. Così noi ve lo diciamo subito: Blu Lab è un think tank di centrodestra, senza se e senza ma. Con chiarissime venature liberali, pro mercato e pro occidente, ma dove le idee differenti vengono prese di petto e analizzate, senza paura e senza pregiudiziali di sorta. Non siamo come certi gruppetti di presunti sapienti dove c’è la verità che non si discute. Stranamente tutti gruppetti radical chic.

La politica offre pochissimi spazi di pensiero e di ragionamento, ed è venuto il momento di offrire il nostro robusto contributo. Continueremo con gli eventi di formazione politica in tutte le parti d’Italia, organizzeremo alla Camera dei Deputati conferenze tematiche con cadenza mensile, alcune solo per esperti di settori specifici ed altre completamente aperte al pubblico. Produrremo anche nostri paper, con il lavoro dei migliori giovani analisti politici in Italia. Il tutto evitando assolutamente di essere paludati, istituzionali, incravattati e noiosi. Ma con obiettivi chiari: formare una classe dirigente schiettamente di centrodestra, offrire idee e spunti alla classe politica sempre più spompata e povera di contenuti e contribuire alla crescita politica e culturale di una generazione dal potenziale enorme.

 

Tag: , , , ,