de-magistris

Ammettiamolo, fare politica è difficile, spesso non è gratificante ma è la nostra grande passione, non ci possiamo fare nulla. Poi però ci sono dei giorni in cui ti chiedi il perchè la politica gode di questa cattiva fama nel paese e nei discorsi fra le persone. E ti chiedi anche del perchè l’impegno politico sia cosi bistrattato. Le ragioni sono tante, innumerevoli e non basterebbe lo spazio blog de “Il Giornale” per capirle ed analizzarle tutte con completezza.

Poi arriva un sabato pomeriggio, mentre distrattamente prepari il da farsi per la serata imminente e scopri che Luigi De Magistris vuole portare il glorioso “modello Napoli” a livello nazionale. Ora, per chi non segue la cronaca politica dei movimenti di sinistra “popolari” e preferisce fare cose più edificanti (come portare la propria ragazza fuori a cena) vi chiederete del perchè stiamo qui a parlare del mitologico Luigi De Magistris. Semplicemente perchè a Napoli si fa dettare l’agenda dai centri sociali, prende parte alle loro feste illegali e si erge a tribuno del popolo modello Masaniello. Uno che vuole aprire il porto di Napoli ed andare a prendere di persona tutti i falsi rifugiati che si appropinquano sulla nostra costa.

Un personaggio che ruberebbe facilmente il posto ad Arlecchino e Pulcinella nella commedia napoletana. Diciamo che nello sconforto del cittadino di fronte alla politico, almeno qualche risata gratis è assicurata.

Tag: , ,