Ma ci avete fatto caso che sempre più spesso i videoclip sono spot di prodotti commerciali? Ci ho pensato davanti a When you’re gone di Avril Lavigne, che in una sequenza mostra un aggeggio (mi sembra una macchina fotografica) con l’enorme logo della casa produttrice ben in evidenza. La Sony ringrazia, il buon gusto un po’ meno. Sarebbe bello fare un catalogo di queste invasioni di marchette. Mi sembra che siano soprattutto i video americani ad esserne infarciti, anche perché là hanno sdoganato questa sorta di pubblicità trasversale. Da noi per ora vincono le fiction e le soap in tv, veri e propri cataloghi di spot più o meno occulti. Ma che noia.