L’ultima spiaggia di Stevie Wonder

D’accordo, è uno dei più grandi. Ma perché tornare a cantare dal vivo proprio ora?? Dopo un album flop, dopo anni di lontananza dalle classifiche, dopo un periodo di siccità creativa, Stevie Wonder ha imbastito un tour americano che sa di preludio a un giro di concerti in tutto il mondo (si dice anche l’Italia). Speriamo almeno che almeno riesca a evitare il carrozzone revival che va per la maggiore, raccoglie molti dollari ma anche un po’ di tristezza. Tanti, dagli Eagles fino agli Europe, non possono fare altro. Lui sì.

  

La ragione a metà di Elton

Stavolta Elton John ha sparato grosso e una volta tanto non ha sbagliato bersaglio. Lui dice: chiudiamo internet per cinque anni, rovina l’arte e isola le persone. Ha ragione. C’è una generazione parassita che fugge la luce del sole e vive con le dita sul mouse. Ma è anche vero che internet oggi non si può chiudere: è ormai essenziale alla vita, spesso anche alla sopravvivenza di tante persone. Per loro chiudere il web, oltre che impossibile, sarebbe ingiusto. Però Elton John non ha torto: mette tristezza pensare a milioni di ragazzi che ammuffiscono tutto il giorno davanti al pc […]

  

I Tokio Hotel tutto esaurito

Ma guarda un po’ che cosa combinano i Tokio Hotel. Sono idoli dei ragazzini (ma non solo), vendono cd a palate eppure la maggioranza dei critici li snobba. Peggio: non li tratta con sufficienza oppure li massacra gratuitamente sui blog. Di sicuro i Tokio Hotel hanno un singolo molto forte (‘Monsoon’) e un cd appena uscito (in Europa, perché nella loro Germania sono famosi da anni). La loro musica, che ha radici nell’hard rock ma è vestita molto bene di pop, non è poi così trascurabile, visto che dopotutto sono ragazzini di primo pelo. Diciamo che i Tokio Hotel sono […]

  

La sorpresa di Celentano

Prendete una domenica sera in un paesino della Brianza, una sera spensierata perché c’è la festa della Pro Loco, l’orchestra sul palco, la gente che balla e ciacola e intanto il tempo se ne va tranquillo. Poi arriva lui, lui che vive lì da trent’anni e mai e poi mai si è mostrato in pubblico in un’occasione ufficiale perché non è il tipo, vive in una villa con un giardino che è «un’oasi di tranquillità» e, se esce, va a messa oppure a comprare i giornali ma sempre senza strilli, senza i vezzi delle piccole star che hanno bisogno di […]

  

Il Blog di Paolo Giordano © 2020