Jovanotti è un passo avanti

Ieri Jovanotti è arrivato in sala stampa per presentare la sua apparizione del venerdì al Festival. Ha parlato per oltre mezz’ora e non importa neppure riportare tutte le frasi che ha inanellato. Ha parlato di musica, di politica, ha presentato il suo ospite Ben Haper, ha divagato su tanti argomenti e sempre con competenza. Ma non è questo che importa. Jovanotti è un uomo sereno e quando ha parlato delle sue canzoni ha semplicemente spiegato che: “Io penso alla mia donna, all’amore che provo per lei e scrivo quello che c’è intorno a questo sentimento”. Credo che non ci sia […]

  

Soluzione all’italiana: Bertè squalificata ma canta

Soluzione all’italiana al Festival di Sanremo. Loredana Bertè ha cantato un brano già pubblicato (nel 1988) e quindi è stata squalificata. Lo ha annunciato Pippo Baudo adesso in conferenza stampa. Però lei continuerà ad esibirsi all’Ariston, sostanzialmente per evitare un altro caso Tenco. La solita soluzione all’italiana che però non riesco a criticare (vista la situazione).

  

Il caso Bertè (e il caso strano)

Ieri sul palco è stata travolgente e senza dubbio ha smentito tutti (anche quelli come me che temevano un’esibizione sottotono). Certo, Loredana Bertè è stata la più rock del festival, rock nel senso di Celentano: vitale e controcorrente. Però è anche vero che mi fa un po’ tristezza star qui a complimentarmi con la Bertè solo perché sul palco dell’Ariston non ha dato di matto come in altre sedi televisive. E’ un pensiero che non mi piace. Di sicuro oggi si parlerà di un’altra cosa. Questa: la sua canzone Musica e parole sarebbe una vecchia canzone del 1988 intitolata “Ultimo […]

  

Lasciare stare Tricarico

Ieri notte ho tremato quando Chiambretti e Baudo si sono avvicinati a Tricarico che stava per cantare. Tricarico è di una sensibilità estrema, è indifeso, vulnerabile oltre ogni immaginazione. E la vicinanza di Pippo e Piero, che sono stati impietosi, lo ha messo talmente in imbarazzo da fargli rovinare la canzone. La sua interpretazione è stata la peggiore della serata, nonostante il brano sia senza dubbio un bel brano che probabilmente sboccerà bene anche nelle radio. E quindi la nota buona della giornata oggi è negli occhi di Tricarico quando ha iniziato a cantare la sua “Vita tranquilla”. Erano così […]

  

La rivoluzione di Chiambretti

Bravo Pierino. Oggi la frase più bella del Festival è la sua. In una intervista a Marinella Venegoni della Stampa, che gli ha chiesto se Pippo lo avesse catechizzato sulla par condicio pre elettorale, lui ha risposto: “No, Pippo mi ha tranquillizzato. Nessuno di noi vuol fare la pelle a Veltroni e Berlusconi. Anzi oggi la rivoluzione oggi si fa costruendo e non più distruggendo”. Bravo, questa è la frase giusta (anche se non nuovissima) che esprime lo spirito del tempo.

  

Pippo fa tredici, Sanremo farà tardi, io farò notte

Inizia il Festival di Sanremo ed eccomi qui come inviato. Non mi ricordo più: sarà la settima o l’ottava volta. Da domenica, giorno della conferenza stampa di presentazione, inizia il rito più amato dagli italiani: parlare male del Festival che però è un punto di riferimento. Anche solo per dire “io non lo guardo neanche per un minuto”, tutti ne parlano almeno una volta e ci sono pochi altri eventi che raggiungono una coralità così ampia da sfuggire le singole categorie. Sanremo è come un discorso di Bush alla nazione: é lo stato dell’Italia, una foto delle sue condizioni. Ok, […]

  

Questa è bella, Venditti ha l’ansia

Domenica è stata la giornata dell’ansia. Nell’intervista che andrà in onda a “La storia siamo noi” su Raidue, Fiorello ammette che lo chiamano “ansiolin” perché quando sta per intervistare qualche big gli viene il nodo in gola. E, in una surreale intervista al Messaggero, Antonello Venditti – che ha 59 anni e non è un pivello esordiente – annuncia che non sarà al Festival di Sanremo perché “ci ho pensato, ma andarci a fare il superospite mi crea un disagio cosmico”. E vabbè, uno pensa, può succedere. Poi però lui aggiunge: “Per andarci ci vuole fegato, a me invece viene […]

  

Attenzione, il nuovo Vasco arriva a marzo

La notizia è secca, un semplice flash: il nuovo cd di Vasco Rossi uscirà a marzo. Tra poco sapremo anche il titolo, giusto il tempo di ritrovarci in radio il suo primo singolo. E inizierà così l’ennesimo martellamento, l’ennesimo peana lungo un anno a Sua Santità. Naturalmente Vasco è un grande, forse il più grande che ci sia in Italia però non può essere sempre in prima fila: anche l’ispirazione ha i suoi tempi. Altrimenti sembra proprio un business. Anzi, diciamocela tutta: ormai Vasco è un business. Occhio al “fattore subprime”: quando si gioca troppo con le speculazioni, arriva la […]

  

Oopps, a Patti è scappato un ruttino

E dire che è stata anche una bella conferenza stampa con lei che si è persino messa a cantare ‘Because the night’ accompagnandosi con la chitarre. Patti Smith è al Festival di Berlino per presentare “Patti Smith: Dream of life” diretto dal geniale Steven Sebrings, un documentario sulla sua vita e sulla carriera musicale che, come sapete, hanno avuto gli stessi principi, le stesse regole, la stessa ispirazione. Patti Smith è un tipo libero, addirittura troppo. Perciò immaginatevi la faccia dei giornalistoni di cinema che erano seduti in platea, tutti azzimati, tutti compresi, tutti impegnati a distinguere le tracce di […]

  

Occhio, cari genitori, i Tokio Hotel sono diventati maggiorenni

Oggi ho recensito sul Giornale il nuovo (bel) video dei Tokio Hotel che andrà in anteprima su Mtv ma che già si può trovare come al solito su Youtube. Oltre a essere ben girato, ‘Don’t jump’ solleva un problema che si pensa molto lontano dal mondo adolescenziale: quello del suicidio. Mi sembra molto significativo che lo faccia un gruppo amatissimo dalla ragazzine e dai teen ager di mezza Europa e quindi snobbato dalla critica musicale. Come si sa, o sono pallosi e di sinistra rigorosamente ambientalista, oppure i nuovi cantanti sono di solito accolti dai giornalisti musicali con lo stesso […]

  

Il rap è morto, viva il rap (italiano)

In fondo adesso non si può più negare: il rap made in Usa, inteso come gigantesco calderone ribollente di ispirazione, è moribondo. Surgelato. Sterile. Per carità, sopravvivono gli slanci underground e pure la sua potenzialità commerciale, anche se basta guardare solo l’ultima classifica di Billboard per rendersi conto di quanto stia scemando: tra i primi venti posti della classifica di questa settimana, solo uno (l’ultimo) è occupato da un rapper. Ma il resto è altro. E quindi il genere musicale che ha colonizzato gli anni Novanta, disperdendosi in miliardi di fiumiciattoli di vario valore e rilievo dal gangsta all’hip hop, […]

  

Tutto il mondo è Carla

Queste sono notizie commoventi. Nel nuovo cd di Carla Bruni, che uscirà in estate, c’è anche una canzone dedicata al suo nuovo marito Nicolas Sarkozy. Certo, c’era proprio bisogno di un canto d’amore, di un sonetto, di una romantica calata di versi per una storia d’amore di cui nessuno ha parlato fino ad ora. Dicono che la canzone si intitolerà “La mia droga” oppure “Amo la mia droga” e quindi si allarga lo spettro di possibili utilizzi del brano. 1) colonna sonora di uno spot a favore della tossicodipendenza 2) canzone della campagna elettorale di Sarkozy 3) spot della nuova […]

  

Il Blog di Paolo Giordano © 2017