Quel gran figo di Emiliano

L’ insana passione politica per Michele Emiliano, capintesta di Puglia ed altri altrove, insiste lungo i fondali del mio “inconscio barricadero”.  Non riesco più ad arginarla dentro i mansueti perimetri dell’indicibile. Mi domanda di uscire dalla clandestinità : urge. Del resto, uno che nasce in un canestro di basket, da un ovulo di Amedeo Nazzari, impiantato nella tuba di Falloppio della Distrettuale Antimafia di Bari, un qualche smottamento dell’anima deve pur procurartelo. Anche se non è possibile rinvenire tra i suoi gameti d’origine quello di Domenico Modugno, impegnato, all’epoca, in un contenzioso a Cellino San Marco , per difendersi dall’accusa di concorso esterno nella procreazione assistita di un noto banconista […]

  

Fuori le donne dalla politica!

La mia misoginia non ha più alibi : deve forzare i confini della clandestinità. Venire allo scoperto. Farsi parola proferita. Al riparo da svenevoli balbuzie edulcoranti. Del resto,  non è un mistero per alcuno il dato fragoroso che  l’altra metà del cielo si sia lasciata ormai derubricare ad un quarto scarso di tettoia. Ne è  prova inconfutabile  la disperante evanescenza del ceto politico femminile nostrano. Senz’arte né parte. Scadente, sciatto, incolore. Per nulla “eversivo”. Esistono, ovviamente,  magnifiche eccezioni, che, in quanto tali, non rilevano. Risulta difficilissimo, infatti, rinvenire traccia di quella rivoluzione molecolare , “minacciata” dopo l’avvento nel Palazzo di imbellettate quoticine rosa- shocking, più o meno […]

  

Il blog di Antonella Grippo © 2018