Figli senza cuore padri senza figli

solitudine-32e451c2-f36d-41c9-8841-081f82774d0f

Un mese. Solo un mese gli hanno dato. Ma in carcere non ci andranno. Non si faranno neppure un giorno. Eppure, ne meriterebbero di galera. Non quella fatta di muri, tavolacci e sbarre. Quella del silenzio, della vergogna. Ce ne fosse, di pudore in giro, non ci sarebbe da raccontare della storia di un uomo, invalido civile che a 82 anni s’è ritrovato solo e maltrattato, come nemmeno un cane per la strada. Divorziato dalla moglie, il pensionato vive a Conegliano. Lo Stato gli passa ogni mese 600 euro. La metà vola via per l’affitto di casa. Il resto per medicine, […]

  

La paghetta ai figli adulti? Ma mi facciano il piacere!

Totò, 1955 - http://en.wikipedia.org/wiki/Tot%C3%B2

Nella vita, recita un proverbio Zen, «bisogna fare tre cose: fare un figlio, scrivere un libro, piantare un albero». Forse è arrivato il momento di aggiungere un quarto impegno: accendere un mutuo secolare per comprare l’albero, stamparsi il libro, crescere il figlio fino alla vecchiaia. Del figlio, non dei genitori. Per i giudici della Corte d’Appello di Trieste, difatti, un genitore – magari pure da morto – è sempre responsabile. Economicamente, s’intende: perché sull’educazione si può discutere, ma sui soldi non si fanno sconti. E non importa che il rampollo – o, nel caso di specie, la principessina di casa […]

  

L’Italia, un Paese per bamboccioni

asili-per-adulti-638x425

Quand’ero bambino io, e prima di me tanti altri e si narra come leggenda che le cose fossero sempre andate così, per andare a scuola – già dalle elementari – si usciva di casa con un certo anticipo (perché guai ad arrivare a portone già chiuso: si rischiavano note, sospensioni e pure scapaccioni), si passava dall’alimentari a comparsi un panino, si entrava in aula. E poi, al suono della campanella, si ripeteva lo stesso cammino, a percorso inverso, saltando solo la tappa all’alimentari per non incorrere nelle ire di nonne e mamme che per pranzo preparavano l’impossibile. Tutto questo lo […]

  

Il blog di Gianpaolo Iacobini © 2018