«La penna è il mio corpo in piena». Intervista a Isabella Cesarini

downloadlarger

Fatto più unico che raro quello di dare un giudizio pienamente positivo su un volume che raccoglie scritti sparsi e che, ad una scorsa rapida, potrebbe rivelarsi come una ordinaria sommatoria di ritratti. Vale a dire, capitoli su capitoli, e su singoli personaggi, che parrebbero non intrecciarsi e invece mantengono, in maniera non soffusa e discreta, un legame strettissimo grazie al quale riusciamo a dare un senso di continuità e di profondità all’intero testo. Operazione riuscita a Isabella Cesarini con Anime inquiete (Auditorium editore, p.155, euro 14) che si fregia anche di una non banale introduzione di Pasquale Panella, poeta […]

  

Celluloide e vita. L’intreccio tra storia e cinema

nm,nm,nm,

Si può ripercorrere una intera epoca storica riavvolgendo il nastro delle pellicole cinematografiche più importanti o, al contrario, di quelle che hanno segnato nel profondo gusti artistici e scelte ideali? Certamente è possibile! Anzi, questo pare un refrain che periodicamente viene – appunto – reiterato, a dimostrazione del fatto che per decifrare ‘’un tempo’’, a volte può servire un romanzo, un film, una canzone ancor più di un saggio accademico.  Su questa traiettoria esegetica si è lanciato Giuseppe Del Ninno, ma in maniera del tutto particolare, non svestendo, nemmeno in questo caso, i panni dell’anticonformista, dell’intellettuale politicamente scorretto; e infatti […]

  

A Caserta, Borsellino spacca la città

paolo_borsellino_2018_thumb660x453

Caserta è l’unica città che trasforma i paradossi in realtà, l’impensabile e indicibile in pratica quotidiana, e lo ammanta anche di buone intenzioni. Non si sa ancora quale miscuglio magico venga utilizzato, forse una pratica decennale al funambolismo politico e alla estinzione della dialettica pubblica, ma in un modo o nell’altro vi riesce. La storia è questa… Due associazioni molto attive sul territorio, Azione e Partecipazione di Enrico Trapassi e Ultimi di Don Aniello Manganiello, un prete combattivo che da sempre combatte una personale battaglia per la legalità e contro le mafie, organizzano un flash mob per Giovedì 19 Luglio […]

  

Omaggio a Bergman, a 100 anni dalla nascita

Ingmar-Bergman-bild-main3

 Il posto delle fragole e del tempo perduto Il posto delle fragole è anch’esso il racconto di un viaggio fisico, ma in macchina. Il vecchio professore Isak Borg (stesse iniziali di Ingmar Bergman, anche se il regista parlerà di coincidenza) dovrà recarsi a Lund per festeggiare il giubileo professionale. E dunque, parte da Stoccolma, in compagnia della nuora Marianne. Egoista, rigido nelle convinzioni e arido nelle relazioni affronta un itinerario che diventerà ben presto un pellegrinaggio verso i luoghi della memoria personale; per riscoprirli e, se possibile, impadronirsene, dopo averli apparentemente cancellati per l’intera vita. Se il cavaliere de Il […]

  

Berdjaev e Spann, all’alba del Novecento

vbv

Nikolaj Berdjaev (1874-1948) e Othmar Spann (1878-1950) vivono da protagonisti culturali la primissima parte del Novecento. Il primo, studioso di Marx, rivoluzionario, filosofo, entra in conflitto dialettico col pensiero comunista, in specie sul versante dell’ateismo, e innerva i suoi studi e la sua vita sulla ricerca spirituale. Il secondo, professore di economia politica a Vienna , autorevole esponente della Rivoluzione conservatrice, sin da subito avversario del comunismo e poi anche del nazismo. Fu infatti privato della cattedra all’università, che neppure dopo il 1945 rivorrà, per manifestare la sua autonomia anche dalla liberaldemocrazia.  Dunque, due punti di vista paralleli su quello […]

  

Sul Rolling Stone, il Manifesto dei «personaggetti»

img_lancio_sito

Il Manifesto di intellettuali e artisti da operetta contro Salvini spiazza, ma non merita più di qualche superficiale rigo di commento. Si pensava avessero preso coscienza del malessere collettivo (che poi, può pure tramutarsi nella misera lotta per il quotidiano consenso politico, in demagogia populistica, e in contesa per un punto in più di sondaggio… ma rimane pur sempre malessere) e invece non è stato così. Perché Salvini c’entra poco. Sta cavalcando (e in parte agitando) un’onda che montava da tempo. Se non ci fosse stato lui, l’avrebbe cavalcata qualcun altro. Ma l’onda era già partita e strutturatasi intorno ad […]

  

Il blog di Luigi Iannone © 2018