Il deficit al 2,4% e il casus belli con Bruxelles

LAPRESSE_20180926193416_27371281

Unione europea, mercati, agenzie di rating. Hanno già tutti messo mano alle rivoltelle. Il governo non aveva ancora trovato la quadra sulla portata del Def che fonti della Commissione europea avevano già cominciato con le minacce: “La legge di bilancio dell’Italia rischia la bocciatura se il deficit nominale dovesse superare la soglia del 2%”. Non solo Matteo Salvini e Luigi Di Maio hanno sforato la soglia imposta da Bruxelles, ma lo hanno fatto con prepotenza fissando una percentuale che va ben oltre i pronostici degli analisti. Il rapporto deficit/pil lieviterà, infatti, al 2,4%. E non solo per il 2019, ma […]

  

L’ultima balla pro immigrazione

1478078874-lapresse-20161025181849-21094234

“Altro che Italia più sicura! Il decreto anti-migranti aumenterà il numero di clandestini perché limita enormemente il diritto di asilo“. Nelle prossime ore, questa tiritera la sentirete ripetere in molte trasmissioni tivù. Ma è solo un’altra balla pro immigrazione che stanno portando in giro i progressisti per gettare fango sul decreto Sicurezza approvato ieri dal Consiglio dei ministri. I buonisti, che in questi anni hanno coccolato le ong e tifato per i porti sempre aperti, se la prendono con un passaggio cruciale del decreto, quello che fa tabula rasa della protezione umanitaria, un unicum tutto italiano che nel 1998 l’allora premier Romano […]

  

Migranti, sicurezza e quello che la sinistra non vede

FOTOGRAMMA_20180924155133_27349807FOTOGRAMMA_20180924171144_27350995

Prima sono stati gli assalti dei centri sociali per impedirgli di parlare in campagna elettorale. Poi sono arrivate le sentenze da “tribunale del popolo”: populista, razzista, fascista, nazista. Infine sono arrivate le minacce di morte: appeso a testa in giù come Benito Mussolini in piazzale Loreto, a Milano. Mentre il Consiglio dei ministri dà il via libera al decreto Sicurezza, la sinistra ha già aperto la caccia a Matteo Salvini. E, finché il leader leghista non sarà eliminato dalla scena politica, non si darà pace. Certe campagne intimidatorie le abbiamo già viste in passato. Ora, però, sembrano aver alzato il […]

  

Il dna sinistro del M5s ostile a Salvini

LAPRESSE_20180917162042_27295630FOTOGRAMMA_20180921215427_27331734

All’interno della Lega la chiamano “l’ala sinistra del Movimento 5 Stelle”. È quella che fa capo al presidente della Camera Roberto Fico che, alla festa di Mdp di ieri sera, ha sfoggiato tutto l’armamentario da leader rosso: slogan pro-immigrazione, anti berlusconismo e, ovviamente, giustizialismo. Che qualcosa si stia muovendo all’interno della compagine grillina è sotto gli occhi di tutti. I decreti immigrazione e sicurezza, che lunedì prossimo Matteo Salvini dovrebbe portare in Consiglio dei ministri, hanno aumentato i mal di pancia di quella frangia ostile all’accordo sottoscritto da Luigi Di Maio con il Carroccio. Gli anti salviniani non hanno, infatti, ancora […]

  

Odiare le tasse

FOTOGRAMMA_20180911140615_27248349

Odiare le tasse è umano. Non sono un economista, ma diffido da chi, con aria compiaciuta, va in giro a pontificare sulla bellezza di imposte, gabelle e via discorrendo. Non c’è un solo tributo che, quando il postino infila nella casella delle lettere, il contribuente accoglie con tripudio. Non è nemmeno piacevole per il lavoratore aprire la busta paga e vedere buona parte dello stipendio lordo finire nelle tasche dello Stato. Una sacrosanta verità, il mio papà me l’ha insegnata sin da subito. Nella vita due cose sono certe: le tasse e la morte. E, diciamocelo, nessuna delle due è […]

  

L’allarme fascismo della sinistra senza argomenti

asselbornLAPRESSE_20180917105400_27293099

Durante l’ultima campagna elettorale lo spettro del “fascismo” non ha certo portato bene al Pd. Il tracollo di Matteo Renzi e compagni è sotto gli occhi di tutti: i dem, oltre a essere spariti da gran parte dei seggi in Parlamento, sono letteralmente evaporati dal dibattito politico. Lo stesso, probabilmente, accadrà alla sinistra europea che, pompata da grigi politici e pensatori radical chic, sta puntando tutto sulla crociata contro i populisti che, a loro dire, oggi incarnano il nuovo germe del fascismo. Partiamo dai numeri che ci aiutano a inquadrare meglio la situazione. Secondo un sondaggio elaborato da Swg per […]

  

Chi fa (davvero) il male dell’Europa

17desk1-moscovici-lapresseLAPRESSE_20180911190649_27251396

Mentre l’Europarlamento si avvicina allo scadere del mandato, torna con prepotenza il dibattito sull’Europa. I toni non sono concilianti. Anzi. Nell’ultima settimana sono volate dichiarazioni decisamente sopra le righe ed è stato sanzionato un Paese, l’Ungheria, per non essersi allineato ai diktat di Bruxelles. Una decisione, quest’ultima, che anziché rafforzare l’Unione europea non fa altro che indebolirla. C’è un fil rouge che lega il durissimo attacco del presidente della Commissione Ue, Jean-Claude Juncker, ai partito nazionalisti, che a suo dire “avvelenano l’Europa” con il loro sovranismo, il via libera di Strasburgo alla procedura per sanzionare il premier ungherese Viktor Orban […]

  

Benvenuti nel Loft

FOTOGRAMMA_20180912084044_272541421535127976-lapresse-20180824174126-27129074

Quest’estate, mentre trascorrevo le vacanze a Palouettaz, un piccolo paesino abbarbicato sul comprensorio del Rosa, mi sono trovato tra le mani Lonesome Dove. Il libro del premio Pulitzer Larry McMurtry è, a mio avviso, un capolavoro che si fonda su tre capisaldi che hanno fatto grande l’America: la libertà, l’identità e la difesa del territorio. Il malloppo di quasi mille pagine è un’avventura epica che dal caldo Texas spinge due vecchi Ranger a portare 2.500 bovini nel Montana per colonizzarne i pascoli incontaminati. Al di là della storia, che mi teneva incollato al romanzo, mi è capitato più volte di […]

  

Il blog di Andrea Indini © 2019