Il fronte che arresta l’ideologia rossa

FOTOGRAMMA_20190114155348_28175461

“Matteo Salvini, il piccolo regalo è in arrivo”. Il primo a twittare, quando in Italia era da poco sorto il sole, è stato Eduardo, il figlio di Jair Bolsonaro. A questo post hanno fatto seguito altri messaggi, tutti scritti dal presidente brasiliano in persona. Uno su tutti: “Congratulazioni e conta sempre su di noi, ministro Salvini”. Domenica scorsa l’arresto di Cesare Battisti in Bolivia è stato reso possibile, oltre che dalla bravura e dalla competenza della nostra intelligence e delle nostre forze dell’ordine, dal nuovo asse che si è venuto a creare tra Roma e Brasilia dopo l’elezione di Bolsonaro. […]

  

Che errore la resa di Conte alla Ue

FOTOGRAMMA_20190108204052_28133993

Zero sbarchi. Per alcuni giorni sembrava che questo risultato storico, incassato da Matteo Salvini con la linea dura dei porti chiusi, potesse tenere per molto tempo. E tecnicamente ha ancora tenuto perché dall’inizio dell’anno nessuna nave delle Ong ha potuto mettere piede sul suolo italiano. Tuttavia, l’accordo raggiunto ieri tra Malta e l’Unione europea per distribuire gli immigrati, che si trovavano a bordo della Sea Watch e della Sea Eye, rischia di creare quel punto di rottura a lungo agognato da Bruxelles, che non può più scaricare in Italia chiunque sbarca, e dalle organizzazioni non governative, che con la Lega […]

  

Il futuro: ora

black-mirror-bandersnatch-netflix-review

Durante le vacanze di Natale ho giocato a Bandersnatch, l’ultimo, eclatante episodio di Black Mirror prodotto da Netflix. Più che una banale puntata di una serie tv, è un vero e proprio gioco. Perché a decidere le mosse e le sorti del protagonista alle prese (nel 1984!) con la programmazione di un nuovo, futuristico videogioco (che visto nel 2019 non può che far sorridere), è il telespettatore con un semplice click sul telecomando. Quando agli inizi degli anni Novanta (era il 1992) uscì Il Tagliaerbe, un film sulla realtà virtuale nato dalla brillante mente di Stephen King, internet non era […]

  

Il blog di Andrea Indini © 2019