Sbarchi, le 10 verità taciute dai buonisti

LAPRESSE_20190131144534_28328249

In questi giorni è tornato centrale il caso della Diciotti, la nave della Guardia Costiera a cui lo scorso agosto Matteo Salvini aveva impedito lo sbarco nel porto di Catania per evitare che l’Italia dovesse farsi carico di altri immigrati (177 per l’esattezza) arrivati dalla Libia. Nonostante la procura guidata da Carmelo Zuccaro avesse disposto il non luogo a procedere, contro il vicepremier leghista si è accanito il tribunale dei ministri che lo vuole processare a tutti i costi. A dare l’autorizzazione dovrà essere la Giunta per l’immunità, intanto però la sinistra lo ha già condannato per “sequestro di persona”. […]

  

In ostaggio dei radical chic

LAPRESSE_20190126161852_28290799

Un tempo c’erano i girotondini. Oggi abbiamo a che fare con i pesci lessi. Per protestare contro Matteo Salvini e i porti chiusi ai barconi carichi di immigrati clandestini, i soliti radical chic rossi di casa nostra si sono inventati l’ennesima raccolta firme con l’ennesimo sit in davanti a Montecitorio. I capi popolo, a questo giro, sono Luigi Manconi e Sandro Veronesi, ma a sottoscrivere l’iniziativa sono sempre gli stessi benpensanti di sinistra. Da Elena Ferrante a Luciana Littizzetto, passando per Michele Serra, Roberto Saviano, Gad Lerner, Roberto Benigni e così via. Sono proprio quei nomi che ti aspetteresti di […]

  

L’assist delle toghe alle Ong

FOTOGRAMMA_20190124200148_28275575

Così proprio non va. Dopo anni di accondiscendenza nei confronti di scafisti, trafficanti e Ong finanziate dai fan dell’accoglienza, Matteo Salvini ha finalmente messo al bando le organizzazioni non governative che facevano da spola dalle coste libiche ai porti italiani per riempirci di immigrati (la maggior parte clandestini). Ecco, però, che ora si trova a dover lottare contro una folta schiera di irriducibili che non vogliono piegarsi alla chiusura dei porti e che per questo gli fanno la guerra, sia nei talk show sia nelle aule dei tribunali, dando così sostegno (politico e giuridico) a quelle stesse Ong con cui speravamo di non […]

  

Il “Nuovo ordine” di Merkel e Macron

GETTY_20190122145129_28251750

Oggi Emmanuel Macron e Angela Merkel si sono trovati ad Aquisgrana per celebrare un funerale. Il trattato che hanno sottoscritto non solo rafforza le relazioni bilaterali tra la Germania e la Francia ma certifica anche il superamento dell’Unione europea. Non che fino a oggi non fossero francesi e tedeschi a fare il bello e il cattivo tempo a Bruxelles. Ma ora le due super potenze intendono portare questo asse di ferro “a un nuovo livello” che, di fatto, fa fuori il resto degli Stati membri. I due predatori dell’Unione europea sono usciti allo scoperto. E lo hanno fatto in una […]

  

L’autoconservazione delle élite Ue

LAPRESSE_20190115115830_28182593

“Come non rendersi conto che alcune prerogative usate per definire populisti Salvini e Di Maio hanno albergato, più o meno clandestinamente, in Berlusconi prima e in Renzi poi?”, si chiede Enrico Letta nel suo ultimo libro Ho imparato. “Il modo in cui le classi dirigenti hanno reagito all’ascesa di nuovi gruppi politici negli ultimi anni – pervicace attaccamento al potere, poi inerzia, o chiamata alle armi da partigiani sulle montagne via tweet – ha contribuito a incancrenire il conflitto”. Nelle ultime settimane le élite europeiste si sono lasciate contagiare da un ambiguo desiderio di autocritica. Non sono in molti a farlo, ma […]

  

Il fronte che arresta l’ideologia rossa

FOTOGRAMMA_20190114155348_28175461

“Matteo Salvini, il piccolo regalo è in arrivo”. Il primo a twittare, quando in Italia era da poco sorto il sole, è stato Eduardo, il figlio di Jair Bolsonaro. A questo post hanno fatto seguito altri messaggi, tutti scritti dal presidente brasiliano in persona. Uno su tutti: “Congratulazioni e conta sempre su di noi, ministro Salvini”. Domenica scorsa l’arresto di Cesare Battisti in Bolivia è stato reso possibile, oltre che dalla bravura e dalla competenza della nostra intelligence e delle nostre forze dell’ordine, dal nuovo asse che si è venuto a creare tra Roma e Brasilia dopo l’elezione di Bolsonaro. […]

  

Che errore la resa di Conte alla Ue

FOTOGRAMMA_20190108204052_28133993

Zero sbarchi. Per alcuni giorni sembrava che questo risultato storico, incassato da Matteo Salvini con la linea dura dei porti chiusi, potesse tenere per molto tempo. E tecnicamente ha ancora tenuto perché dall’inizio dell’anno nessuna nave delle Ong ha potuto mettere piede sul suolo italiano. Tuttavia, l’accordo raggiunto ieri tra Malta e l’Unione europea per distribuire gli immigrati, che si trovavano a bordo della Sea Watch e della Sea Eye, rischia di creare quel punto di rottura a lungo agognato da Bruxelles, che non può più scaricare in Italia chiunque sbarca, e dalle organizzazioni non governative, che con la Lega […]

  

Il futuro: ora

black-mirror-bandersnatch-netflix-review

Durante le vacanze di Natale ho giocato a Bandersnatch, l’ultimo, eclatante episodio di Black Mirror prodotto da Netflix. Più che una banale puntata di una serie tv, è un vero e proprio gioco. Perché a decidere le mosse e le sorti del protagonista alle prese (nel 1984!) con la programmazione di un nuovo, futuristico videogioco (che visto nel 2019 non può che far sorridere), è il telespettatore con un semplice click sul telecomando. Quando agli inizi degli anni Novanta (era il 1992) uscì Il Tagliaerbe, un film sulla realtà virtuale nato dalla brillante mente di Stephen King, internet non era […]

  

Il blog di Andrea Indini © 2019