L’inciucio è quasi servito. Una sorta di semi ribaltone. Nonostante si siano insultati fino all’altro ieri, ecco grillini e piddini pronti a collaborare gomito a gomito. I primi sono disposti a tutto pur di tenersi il potere, mentre gli altri farebbero carte false pur di tornare nei palazzi che contano.

LAPRESSE_20190822115202_30232027

Il voto ormai è un miraggio. Nel loft se ne era già parlato giorni fa, quando la speranza di tornare alle urne era ancora corroborata dal fatto che l’unica maggioranza alternativa a quella gialloverde era l’accozzaglia giallorossa, un sodalizio impensabile tra nemici storici che non hanno fatto altri che odiarsi. Ora Luigi Di Maio sembra pronto a scendere a patti con Nicola Zingaretti e compagni. Le schiere dem che siedono in parlamento sono state, però, nominate da Matteo Renzi quando era ancora segretario del proprio partito. Fa quindi aggrottare maggiormente la fronte pensare che i pentastellati possano condividere un esecutivo con renziani di ferro. Ma tant’è!

Come dicevamo, in casa Pd sembrano disposti a tutto pur di tornare al governo. Sul tavolo hanno messo alcuni punti programmatici ma il vero obiettivo è evitare il voto. È dai tempi del governo tecnico guidato da Mario Monti che i dem hanno vestito i panni dei “responsabili” per sedersi al tavolo di chi decide. La scorsa legislatura sono riusciti a evitare le urne più volte sacrificando un premier incaricato (Pierluigi Bersani) e cestinando ben tre presidenti del Consiglio (Enrico Letta, Matteo Renzi e Paolo Gentiloni). Ora non gli sembrerà vero poter tornare in campo, dopo quattordici mesi di panchina. Non gli importa nemmeno se per farlo dovranno lisciare il pelo ai Cinque Stelle.

Tag: , , ,