Piccolo esperimento sulla democrazia diretta

Mi sono imbattuta in un post su Facebook davvero illuminante e vorrei condividerlo per condurre un piccolo esperimento. Prima di leggerne il testo che trascrivo di seguito, vi invito a leggere il curriculum dell’autore Enrico Dell’Olio ed apprezzarne l’autorevolezza dall’alto dei suoi studi quale personal trainer e venditore di integratori per il body building. Poi leggete chi è il ministro della salute belga Maggie De Block, considerata da anni il più bravo e apprezzato politico belga. Quindi leggete il post trascritto, tra l’altro notandone l’originalità. Chiedetevi quindi se preferireste al Ministero della salute l’autore del post, Maggie l’obesa a cui non importa di curare la propria salute, […]

  

L’indignazione incoerente per i soldi altrui

Mi diverte e al tempo stesso mi sconvolge l’indignazione a comando della Rete. In questo mondo interconnesso non c’è giorno senza una notizia trasformata in una valanga di post, battute, articolesse, memi condivisi all’infinito in cui gli indignati da tastiera esprimono tutta la loro rabbia per chi abbia osato violare la morale virtuale. Perché virtuale? Perché per lo più non è ragionata, purtroppo, non è coerente, non si basa su princìpi e valori, ma sulla mera rabbia repressa, troppo spesso sull’invidia. Ed è un peccato, perché i bersagliati meritano tutto il disprezzo che ricevono, ma non da chi non ha neppure […]

  

Mecenati, ipocriti e statalisti

trevi006-1000x600

Guardate che spettacolo la Fontana di Trevi. Una delle opere d’arte più famose al mondo è tornata al suo splendore e tutto per merito del mancato intervento pubblico. Ci hanno messo 17 mesi anziché i 20 previsti ed il restauro è costato solo poco più di due milioni di euro. Se lo Stato ed il Comune di Roma ci avessero messo le loro zampacce tutto questo non sarebbe stato possibile e per questo li dobbiamo ringraziare per esserne stati fuori. Se non fossero stati così bravi a non intromettersi, un pessimo restauro ci sarebbe costato miliardi, avremmo atteso anni per […]

  

Il blog di Barbara Di © 2018