Faranno pulizia?

Mentre la folla comincia a uscire, il commento di un giovane militante è emblematico: “Ma faranno pulizia?”

  

Maroni bacia Bossi

Alla conclusione dell’intervento di Bossi, Maroni con una scopa in mano va verso il Senatùr e lo bacia. Poi risuonano le note di Va, pensiero. Sventolano gli striscioni e la base canta a squarciagola

  

Bossi: “Dovevo fare come Berlusconi…”

Bossi fa autocritica e ammette: “Non dovevo fare entrare i miei figli in politica, ma dovevo fare come Berlusconi che li ha fatti studiare all’estero”. Il Senatùr parla poi di complotto giudiziario e mediatico, ma su questo punto alcuni militanti non concordano e chiedono pulizia.

  

La confessione di un militante

“Non lo rivoterei”. Pur con qualche titubanza, un operaio romagnolo vestito quasi completamente di verde ammette che se il Senatùr dovesse ricandidarsi come segretario al prossimo congresso non lo rivoterebbe. La delusione gli si legge negli occhi

  

Bossi prende la parola

Il Senatùr prende la parola e la base lo acclama. Poi lo ascolta con silenzio, quasi con rispetto e devozione. Si alzano striscioni per Bossi.

  

“Se Bossi si ricandida io lo voterò”

Maroni ribadisce il pensiero espresso giorni fa e relativo all’ipotesi che Bossi si ricandidi come segretario di partito e assicura che lo voterebbe. Poi dichiara: “Il congresso federale si convochi a giugno perché il partito ha bisogno di una guida e di unità”

  

Che strano effetto…

Un anziano militante nel vedere Bossi seduto accanto a Maroni che parla dal palco commenta con malcelata tristezza: “Certo però che strano effetto che fa…”

  

Maroni parla da leader

Indipendenza della Padania, largo ai giovani, rispetto delle regole e pulizia all’interno del Carroccio. Maroni detta l’agenda della Lega e parla da leader.

  

“Se Rosi Mauro non si dimetterà, ci penserà la Lega a farlo”

Maroni non ha dubbi sul futuro di Rosi Mauro nel partito: deve essere espulsa. E se non si dimetterà di sua iniziativa ci penserà la Lega a farlo. Su questo Maroni è perentorio e la base sta con lui

  

Renzo Bossi fischiatissimo

È bastato pronunciare il nome di Renzo Bossi e di Rosi Mauro per scatenare l’ira della base. Fischi, urla, invettive e insulti nei loro confronti. Su questo la base è unita

  

Live ilGiornale.it © 2014