Il metodo Di Bella diventa film

Screenshot-2

Sarà presto online, sul canale Vimeo, un film-documentario dedicato alla vita del professor Luigi Di Bella e al suo controverso metodo per curare il cancro. In tutto sei ore di proiezione, frutto di quattro anni di ricerche, raccolte di documenti e testimonianze. La pellicola è stata progettata e realizzata da VFF Institute Mare Nostrum e.V – NPO – Austria, Istituto privato di ricerche e studi registrato al Ministero dell’Interno austriaco, in collaborazione con il gruppo Warner Deutschland (Warner/Chappell Production Music). È un lavoro indipendente e interamente autofinanziato dall’Istituto VFF che è anche produttore  e unico distributore. Non si tratta, dunque, di […]

  

“Vietata l’aula universitaria a Di Bella”

frase voltaire

Oggi c’è una brutta storia. Non come l’uccisione di un politico “che la pensa in modo diverso“, ma quasi. C’è sempre la volontà di censurare un pensiero diverso, in questo caso sulla malattia e sul modo diverso di affrontarla. Non solo. C’è anche dell’altro. Ma andiamo con ordine. Il convegno promosso dalla Fondazione Di Bella e patrocinato dall’Ordine dei medici di Bologna dal titolo “Molecole biologiche citostatiche, differenzianti e apoptotiche non valorizzate in oncologia” programmato il 2 luglio nell’aula Magna dell’università di Bologna non si terrà più lì. Nonostante gli accordi presi per iscritto con la responsabile dell’ufficio “Gestione logistica […]

  

Ciao Flora e perdonaci, se puoi

…l’ultima volta che ci siamo viste avevi i tacchi alti e a camminare ti veniva il fiatone. Il male, quello sì, stava riprendendo fiato, ma non volevi parlare di te. C’era da fare un’intervista importante. Da raccontare che il piccolo Giovanni era riuscito a fermare il suo retinoblastoma con Metodo Di Bella. E tu coordinavi il gruppo che sosteneva la mamma del bimbo, trasferta in treno da Bologna a Milano. Cliccate qui. Flora (Nardelli), ti conoscevano in tanti. Eri stata più volte in televisione a parlare della tua malattia. Un mieloma multiplo diagnosticato nel Duemila, “tanta sofferenza e tante lastre”, […]

  

Il Sole 24 Ore (e Cattaneo) si correggono: Di Bella era un vero medico

Per farvi capire cosa è successo vi invito a leggere l’articolo che una settimana fa il Sole 24 Ore ha pubblicato a firma di Elena Cattaneo e Gilberto Corbellini per pubblicizzare un libro dedicato al caso Stamina. Leggete qui. Gli autori si chiedono come siano potuti succedere i casi Stamina e Di Bella. Tralasciamo per il momento il primo e soffermiamoci sul secondo. Scrivono:”Di Bella era uno sconosciuto e modesto fisiologo, senza alcuna competenza oncologica o esperienza clinica”. Oibò. Il direttore del quotidiano economico Roberto Napoletano è responsabile di quello che è riportato sul suo giornale ma, come tutti i […]

  

“Lo Stato che fa la guerra ai malati? Non è etico”

La notizia Anche lei, S.M., 50 anni, fiorentina (che chiameremo Silvia), si è comportata come tutte noi. Dopo la diagnosi di tumore al seno, nel 2003, è andata in ospedale. Via il cancro con un’operazione e poi chemioterapia e radioterapia, definite “adiuvanti”, di aiuto. Poi nel 2009 Silvia scopre un secondo tumore all’altro seno. I medici le dicono che è “primitivo” ossia che non dipende dal primo. Il guaio è che questo cancro si spariglia nel corpo come una scatola di biglie su una lastra in discesa. Metastasi ovunque. Nel polmoni e nelle ossa. Appena Silvia scopre il suo secondo […]

  

La Sicilia premia Di Bella

20131216-192528.jpg

Sarà che è una terra fra le più belle al mondo, sarà che parte del nostro dna arriva da lì, da quell’incrocio di sapienza greca e genio italico. Sarà che è baciata dal sole e dal mare, ha la valle dei templi, gli agrumi, il gelato e pure il vento giovane delle novità. I moti che cambiarono il Paese, nel 1848, iniziarono in Sicilia esattamente da dove sono partiti i forconi di oggi. Questo per dirvi che forse anche la rivoluzione che più ci interessa, quella per la libertà di cura, sta vedendo la luce in Sicilia. Giusto oggi il […]

  

Eppur guariscono

Sono stata alla commemorazione dei dieci anni della morte del professor Luigi Di Bella, domenica scorsa a Modena. Questa volta non ero fra il pubblico ma accanto ai figli dello scienziato, a raccontare come mai – a distanza di 15 anni dalla  fulminea sperimentazione del Metodo Di Bella ( e della conseguente bocciatura ) – le tantissime persone che scelgono oggi di curarsi il tumore in questo modo continuino a essere ignorate dal mondo scientifico.  Alcuni malati ed ex malati erano presenti alla commemorazione. Dalla Oncologia sono considerati fantasmi,  o”finti malati”, o “casi di remissioni spontanee”. Quel che è peggio […]

  

Di Bella, Fukushima e le staminali

20130301-160543.jpg

Un lettore, Sergio, da Roma, mi chiede che idea mi sono fatta del metodo Di Bella. Scrive: “Come mai tutta la comunità scientifica non inserisce nei protocolli i trattamenti che sono alla base della terapia Di Bella? Possibile che sia solo una questione di ritorno economico per le case farmaceutiche? Immagino che gli oncologi sarebbero contenti di far guarire le persone, invece che tenerle “appese” con la chemioterapia, o no?” Gli rispondo in privato e, tempo due giorni, mi capitano sotto gli occhi due notizie che mi avrebbero aiutata a spiegare ancor meglio il concetto di “sistema malato” . La […]

  

Toh, i linfomi si curano con Metodo Di Bella

È stato pubblicato in dicembre, su Neuroendocrinology Letters, uno studio osservazionale su 55 casi di linfomi trattati con Metodo Di Bella.  Firmato da Giuseppe Di Bella e Fabrizio Mascia della Fondazione Di Bella e Biagio Colori dell’istituto di ricerca scientifica Rizzoli di Bologna. Eccolo. Si descrivono la terapia, la tossicità e la remissione (assenza di recidive) a cinque anni. I pazienti in cura hanno da 19 ai 95 anni:  12 sono affetti da linfomi di Hodgkin, 43 da non Hodgkin. Descritti i sottotipi della malattia e le stadiazioni:  stadio I (13 casi), stadio II (15 casi), stadio III (10 casi), stadio […]

  

Il Blog di Gioia Locati © 2017