Così il rapporto sui farmaci ha “cancellato” gli eventi avversi

9DC2EF0F-9B42-456A-A168-CC4E14D6CA29osmed

È stato depennato dal rapporto Osmed (Osservatorio Nazionale sull’impiego dei farmaci) l’intero capitolo dedicato agli eventi avversi. Edito dal 1998 da Aifa, il volume si prefigge di: * sviluppare e validare i meccanismi di raccolta, analisi ed interpretazione dei dati di uso dei farmaci in Italia * descrivere i cambiamenti nell’uso dei farmaci * correlare problemi di sanità pubblica e uso di farmaci o categorie terapeutiche * favorire la diffusione dell’informazione sull’uso dei farmaci * confrontare il consumo dei farmaci in Italia con quello di altri Paesi * contribuire alle iniziative per promuovere un migliore uso dei farmaci * chiarire […]

  

Sperimentazioni, così si produce l’inganno

C ‘è l’ antidepressivo ( paroxetina )  decantato nella letteratura medica come efficace e privo di effetti collaterali. È stato dato per anni anche ai bambini. E quando si è scoperto che aiuta i depressi quanto uno zuccherino – oltrettutto intossicando l’organismo –  è calata  la censura. Dove? Sugli studi negativi, ben 6 contro 1. Per non togliere la molecola dal commercio. Per non rovinare il business. Il tutto si è fatto – e si continua a fare con molti altri farmaci – senza commettere nulla di illegale perchè la legge permette ai produttori di  “scegliere”  quali ricerche pubblicare  e […]

  

Di Bella, Fukushima e le staminali

20130301-160543.jpg

Un lettore, Sergio, da Roma, mi chiede che idea mi sono fatta del metodo Di Bella. Scrive: “Come mai tutta la comunità scientifica non inserisce nei protocolli i trattamenti che sono alla base della terapia Di Bella? Possibile che sia solo una questione di ritorno economico per le case farmaceutiche? Immagino che gli oncologi sarebbero contenti di far guarire le persone, invece che tenerle “appese” con la chemioterapia, o no?” Gli rispondo in privato e, tempo due giorni, mi capitano sotto gli occhi due notizie che mi avrebbero aiutata a spiegare ancor meglio il concetto di “sistema malato” . La […]

  

Boom di nuovi farmaci più cari dell’oro

20130116-235528.jpg

Vi invito a leggere questo lancio Ansa di oggi. Si parla di una “rinascita” dell’industria farmaceutica prevista nei prossimi anni. Si dice che i guadagni di queste aziende saranno maggiori delle perdite provocate dalla fine dei brevetti, si calcola che fra il 2013 e il 2015 saranno in vendita (a peso d’oro) diversi nuovi farmaci per malattie importanti, dal cancro al diabete alla sclerosi. C’è il Bg-12 contro la sclerosi multipla, che ha mostrato di ridurre del 30% le ricadute, c’è il canagliflozin per il diabete di tipo 2, c’è il primo trattamento orale per l’epatite C. Dopo un anno […]

  

Spending review?

Per le medicine, l’anno scorso, fra ospedali e farmacie abbiamo speso 26,3 miliardi di euro. Tradotto in scatole fanno 1,8 miliardi di confezioni, pari a 30 a testa. Il servizio sanitario “ha rimborsato” i tre quarti di 26 miliardi, ossia 19 miliardi e 700 milioni. Rispetto al 2010, c’è stato un risparmio totale dell’1,6 per cento e un risparmio a carico del sistema sanitario nazionale del 4,6 per cento. Nonostante ciò, la spesa per i farmaci di fascia A acquistati privatamente è cresciuta del 21 per cento. I dati sono diffusi dall’Aifa, Agenzia italiana del farmaco. Il direttore generale Aifa, […]

  

Quando la pillola non va giù…

RICEVO QUESTA MAIL DA UNA LETTRICE Buongiorno a tutti, vorrei rendervi partecipi della mia esperienza, ho 34 anni, da tre sono in cura con tamoxifene e sono in menopausa anticipata per curare un tumore al seno scopertomi a 31 anni. Vorrei far sapere agli oncologi, ai ricercatori e alle case farmaceutiche che, non in qualità di topo, ma di donna io ho scoperto di avere un cancro ormonosensibile subito dopo aver interrotto la pillola contraccettiva. E nessun medico mi aveva messo in guardia che con gli ormoni sintetici avrei potuto rischiare il cancro. Anzi: anch’io mi ero sentita dire dal […]

  

Il rimedio del cavolo

Una donna di 70 anni si presenta al centro di medicina naturale della Usl 11 di Empoli con un vistoso nodulo al seno che stava curando con applicazioni di foglie di cavolo. Aveva letto in un libro di medicina naturale che le foglie fresche di verza applicate sul carcinoma mammario possono modificare la crescita del cancro e farlo sviluppare all’esterno anziché all’interno (ed era quello che stava succedendo a lei). Il fatto risale a febbraio, l’ha reso noto nei giorni scorsi il direttore della struttura di Empoli, Fabio Firenzuoli, che ha definito la cura del cavolo “una terapia cialtronesca”. La […]

  

Il Blog di Gioia Locati © 2019