Genitori in piazza contro la Grillo

PHOTO-2019-04-27-18-16-34dodiciUnoseiquattordiciquindici

Si sono dati appuntamento da ogni parte d’Italia. Obbiettivo: raggiungere piazza Montecitorio a Roma in un giorno feriale. Sono le migliaia di famiglie contrarie alle imposizioni dei vaccini. Stamattina, davanti al Parlamento, si sono presentati con megafoni, striscioni e fischietti. Mamme, papà, nonni, medici. Sono rimasti a lungo. Qualcuno aveva indosso la t-shirt con le fotografie dei bambini danneggiati dalle vaccinazioni. Tante faccine senza sorriso a occupare  lo spazio della maglietta. “Fuori la Grillo dal palazzo”e “Giù le mani dai bambini” erano i cori. “Come può un ministro della Salute negare quello che è successo ai nostri figli?” (allusione alla […]

  

Toh, nelle staminali ci sono i retinoidi

Prima notizia: le staminali mesenchimali del metodo Stamina – che tanto fanno discutere in questi giorni – vengono differenziate grazie all’acido retinoico diluito nell’alcool. Rispetto al fatto che la terapia Stamina stia migliorando i sintomi di tanti bimbi affetti da malattie degenerative, questa dell’acido retinoico è una notizia di secondo piano. Ma vale la pena soffermarcisi.  Perché una proprietà dell’acido retinoico è proprio quella di far maturare le cellule immature (che crescono in modo incontrollato)  e di ripristinare il naturale ciclo delle cellule: nascita, vita e morte (le cellule tumorali nascono, vivono e non muoiono mai). Questo è un fatto […]

  

Se anche la radioterapia fa venire il cancro

In questi giorni si discute molto di cellule staminali. Hanno ricevuto il Nobel per la medicina l’inglese John Gurdon (dell’University of Cambridge) e il giapponese Shinya Yamanaka (Kyoto University), autori di due ricerche di biologia cellulare realizzate a 40 anni l’una dall’altra.  Entrambe le scoperte riguardano le cellule staminali: ovvero, oggi si sa che cellule adulte possono essere riprogrammate per sviluppare qualsiasi tipo di tessuto. Fino agli anni ’60 si pensava che la specializzazione delle cellule fosse unidirezionale, che cioè, una volta che si formano le cellule nervose o muscolari di un essere vivente non si potesse far tornare indietro […]

  

“Tenete lontano il cellulare dai bambini”

 Le ultime perplessità sul dilagare dei telefoni cellulari in mano ai bambini e sulla loro pericolosità sono arrivate oggi dell’associazione dei Medici per l’Ambiente (Isde) di Roma. Tant’è che l’epidemiologa Devra Davis ha proposto la dicitura “tenere lontano dai bambini” come si fa con le medicine. “In questo momento non siamo in grado di affermare con certezza che le microonde dei cellulari provocano malattie – ha spiegato la Davis – ma ci sono sufficienti evidenze per avere un ragionevole dubbio, e nessuno vorrebbe giocare alla roulette russa con i propri figli”. Nel mondo ci sono diversi esempi di autorità sanitarie che si stanno preoccupando […]

  

E le nanoparticelle diventano virali

Dove guarda la ricerca italiana?  Una direzione è stata indicata quest’oggi al Policlinico universitario Gemelli di Roma, in occasione della giornata per la Ricerca. Da un lato si lavora sulle staminali del cancro al cervello, per tracciare l’identikit biomolecolare delle cellule intorno al tumore che nutrono e aiutano a crescere il glioblastoma multiforme.  Le stesse cellule staminali adulte del cervello possono “riparare“ i circuiti nervosi danneggiati da malattie neurodegenerative come l’Alzheimer. Dall’altro ci si concentra sulle nanotecnologie. Ossia quel sistema che porta i farmaci antitumorali direttamente al “cuore” del male. In questo modo se ne riduce la tossicità e se […]

  

Sono tre i nuovi farmaci anti-tumore

Si sta svolgendo a Roma il secondo meeting internazionale sui nuovi farmaci per il tumore al seno. Organizzato dall’istituto dei tumori Regina Elena di Roma, l’incontro è iniziato oggi e si concluderà domani.  Ecco una prima sintesi: in Italia vivono più di 520 mila donne che hanno avuto un cancro alla mammella, grazie alle terapie e alla diagnosi precoce. I medici hanno parlato di screening su misura, il suggerimento è quello di personalizzare  i controlli tenendo contro del rischio individuale di ciascuna donna. Vanno considerati: familiarità, terapie ormonali passate o in corso, densità della mammella e precedenti condizioni patologiche. Le […]

  

Duecento ospedali on-line per studiare il tumore

 Arriva sul web il più grande archivio europeo degli interventi di cancro alla mammella,  20.000 cartelle cliniche provenienti dai centri di eccellenza di Italia, Francia, Germania, Spagna, Inghilterra e Portogallo. Oltre 200 ospedali riuniti in una “piccola Ue della scienza” per facilitare lo scambio di informazioni. Si è discusso di questo innovativo sistema durante l’evento “Produzione scientifica: accessibilità uguale utilizzo” che si è svolto all’Istituto Regina Elena di Roma.  Franco Di Filippo direttore della chirugia mammaria ha ricordato che ogni anno “si verificano 55mila casi di tumore della mammella e che l’età media delle donne colpite è di 55 anni». […]

  

Le librerie dell’anima

Ho ricevuto una mail da Maria Rosaria De Luca che mi ha reso felice per due motivi. Primo perché vi posso comunicare una bella notizia: all’interno degli ospedali, Gemelli di Roma e  Pascale di Napoli, nei reparti di oncologia-senologia sono state aperte, da pochi anni, due librerie soprannominate “dell’anima”,  hanno come simbolo una libellula. Le ha create  Maria Rosaria, colpita dal cancro nel 2006, per aiutare le donne ricoverate, a distrarsi, a conoscersi meglio attraverso la lettura, a guarire Il secondo motivo che mi ha reso felice è stata la conferma che il senno di poi accomuna molte donne, quasi […]

  

Non più sterili dopo le cure

In Lazio è stata inaugurata una Bio-banca per conservare i tessuti ovarici e permettere  alle donne – ma anche alle adolescenti e alle bambine –  di non sacrificare la propria fertilità in cambio delle cure antitumorali. Chemioterapia e radioterapia riducono il numero degli ovociti, quel patrimonio di cellule germinali che ogni donna riceve in dotazione alla nascita e che, a differenza delle altre cellule, non si riproduce nel corso degli anni. Fra le mie conoscenze c’è una giovane donna, Tamara, che quando aveva poco più di trent’anni e non aveva avuto ancora figli, era stata colpita dal tumore al seno. […]

  

Cucinotta e Banfi testimonial della lotta al tumore

 Maria Grazia Cucinotta come madrina e Rosanna Banfi come testimone. Perchè un cancro preso in tempo significa avere tempo per vivere. Eccole insieme alla XII edizione della “Race for the cure”,  corsa e  camminata promosse da Komen, la onlus di volontari nata nel 2000 per combattere il tumore al seno. Il ritrovo è a Roma, domenica 22 maggio, alle Terme di Caracalla. La corsa di 5 chilometri e la passeggiata di 2 chilometri, fra il Circo Massimo e i Fori Imperiali,  sono in realtà soltanto due delle iniziative che animeranno la Capitale durante il fine settimana.  Alle Terme di Caracalla […]

  

L’oncogene Her2 fra i sorvegliati speciali

I tumori al seno più aggressivi manifestano un oncogene, il recettore Her2 e vengono curati con il farmaco trastuzumab (anticorpo monoclonale, ossia molecola capaci di attaccarsi alle cellule maligne e distruggerle) Uno studio recente pubblicato su Clinical Cancer Research e messo a punto dai ricercatori dell’istituto nazionale tumori Regina Elena di Roma ha dato validità scientifica a un sospetto già conosciuto e cioè che – durante le terapie – occorre tenere sotto controllo la presenza del fattore Her2, erroneamente considerato IMMUTABILE. Gli studiosi dell’istituto romano hanno dimostrato che il recettore Her2 può cambiare – da negativo a positivo (e viceversa) […]

  

Test su 16mila donne, il nemico è lo zucchero

In Lombardia e in Sicilia sta per partire un ESPERIMENTO (che nella lingua global è chiamato trial) PER EVITARE CHE DONNE SANE in menopausa, l’età considerata più a rischio, SI AMMALINO di tumore alla mammella. Si è visto che un farmaco antidiabetico, la “metformina” potrebbe avrebbe un potere preventivo nell’organismo femminile. Lo studio coinvolgerà 16mila volontarie delle due regioni, durerà 4 o 5 anni, si chiama “Tevere” ed è stato messo a punto dall’istituto di ricerca (Ire) Regina Elena di Roma. Ha rassicurato Paola Muti, direttore scientifico dell’istituto che “questo farmaco non ha effetti collaterali”. L’oncologa, Antonella Savarese ha aggiunto […]

  

Il Blog di Gioia Locati © 2019