App_FrozenLampiDiGemmeLa grande novità si chiama Underground, ed è gratis al 100 per 100. Detto così, si capisce che il lancio del nuovo servizio di Amazon in Italia – a partire proprio da oggi – sia davvero un ulteriore tassello nella costruzione di una mobile economy sempre più ampia. D’altro canto lo dicono i numeri: secondo uno studio del Politecnico di Milano in Italia a fine 2015 si prevedono 40 milioni di Smartphone e 10 milioni di Tablet, con le reti LTE che coprono già circa l’80% della popolazione con 8 milioni di oggetti connessi alla rete cellulare. E il valore totale è di 25,7 miliardi di euro, pari all’1,65% del Pil. E insomma: Amazon va a tavoletta e tre mesi dopo l’avvio negli Stati Uniti, Canada e Gran Bretagna, ecco appunto che arriva qui da noi (e in Spagna) con il suo negozio di app completamente gratuito. Nel senso: nessun costo per le app e per gli in-app. Bum!

E insomma: come funziona? Ci sono oltre mille applicazioni e giochi completamente free, titoli tipo Monument Valley, Final Kick, Ruzzle, Star Wars: Knights of the Old Republic, Goat Simulator, Frozen Lampi di Gemme, Angry Birds Slingshot Stella, Office Suite Professional, 8Bad Piggies. Akinator e molti altri. Su Underground i clienti non dovranno dunque pagare nulla: ad esempio in Frozen Lampi di Gemme – una app che solitamente richiede acquisti in-app per sbloccare livelli e potenzialità aggiuntive – si ha gratuitamente un numero illimitato di vite e contenuti in-app per un valore di 31.87 euro. Goat Simulator costa normalmente 4.99 euro negli altri app store, mentre qui è gratis. E qui parte la domanda: che ci guadagna la compagnia di Bezos? La risposta è stata questa: “Clienti felici e sviluppatori felici fanno di noi un’azienda felice. Perché sappiamo che così creiamo fiducia nei nostri prodotti”. E  Steve Rabuchin, Vice Presidente dell’App-Shop, rilancia dicendo che “nei primi due mesi di disponibilità del servizio, abbiamo triplicato la selezione di titoli con contenuti gratuiti. Ed è solo l’inizio”. Insomma: Amazon Underground offre insomma un innovativo approccio per gli sviluppatori, in termini di monetizzazione, ripagandoli per ogni minuto durante il quale il cliente utilizza il loro gioco o la loro app, invece di remunerarli unicamente a fronte del pagamento degli utenti per il download o per gli acquisti in-app. E gli sviluppatori non devono modificare niente per essere presenti: dovranno solamente inviare la propria app attraverso l’apposito portale. In maniera, confermano i tecnici, assolutamente semplice.

Amazon Underground comparirà oggi grazie ad un aggiornamento sui tablet Amazon mentre sugli smartphone Android arriverà via applicazione (niente da fare per ora invece per gli utenti iOs). E’ l’inizio, dicono, di una nuova era. Di sicuro l’idea è di quelle che possono cambiare il mercato.

Tag: , , , ,