Bc_02-GDrive_Security_ProviderGoogle Drive sta per scomparire? Sì, anzi no, come spiegato in maniera perfetta dagli amici di Digitalic ai quali vi rimando con un link qui sotto per la lettura completa della notizia. Per chi non lo sapesse Google Drive è quel servizio cloud di Big G che permette di archiviare i propri documenti/lavori per ritrovarseli su qualsiasi device si voglia usare. Avendo ovviamente un account Google. La notizia dunque sarebbe grossa, ma come leggerete ha invece dei risvolti che – se spiegati bene come in questo articolo – smontano un po’ l’allarme . E il discorso appunto è proprio questo: l’allarmismo tecnologico.

L’altra sera, per fare un esempio, un’amica mi fa: “Vorrei comprare l’iPhone X, ma ho letto che ci sono dei problemi sul riconoscimento facciale”. A quel punto la mia domanda: “Ma chi l’ha detto? Dove l’hai letto? Chi potrebbe averlo riscontrato visto che non è ancora uscito?”. Risposta: “Mah, non so, l’ho letto su internet…”. Appunto: la mia amica ha ragione, l’ha letto su internet. Ed è questo il punto: “internet” è diventato un tutt’uno, come se sulla rete non ci fosse invece distinzione tra testate serie e fonti farlocche. Che anche in campo tecnologico hanno trasformato il web in un bar sport da calciomercato: nessuno sa nulla, ma tutti fanno finta di sapere.  E il “mi hanno detto che” diventa fonte d’informazione.

Nel caso di Google Drive dunque potreste anche leggere che Google sta chiudendo uno dei suoi servizi più utilizzati dagli utenti. Non è così invece: ci saranno dei cambiamenti, ma non c’è da preoccuparsi. Almeno di non voler prendere per vero qualsiasi cosa vi passi davanti accedendo a internet. Io, che questa cosa l’ho vista su Digitalic, la prendo invece talmente seriamente che dunque ve la faccio leggere direttamente dal loro sito. Perché in questo caso me l’hanno detta loro. E so quanto vale un’informazione così.

Ecco il link: https://www.digitalic.it/tecnologia/google-drive-pc-desktop-applicazione

Tag: , , , ,