OPOnePlus nasce come progetto particolare: i possessori degli smartphone del brand cinese non sono semplici clienti, ma fanno parte di una community che fin dal 2013 – dalla sua nascita insomma –  ha accompagnato l’azienda nello sviluppo dei device con richieste e proposte. Tanto che i primi modelli venivano venduti solo a chi si registrava. Un club insomma che è diventata la fortuna del marchio, seppur attraverso successi alterni che però hanno portato a maturare un’esperienza importante. Così adesso, il lancio del modello 5T avvenuto ieri a New York, era molto atteso: sia perché OnePlus ora si presenta sul mercato per tutti, sia perché già il precedente “5” ha avuto un’ottimo riscontro. Che dovrebbe aumentare con questo nuovo smartphone.

OnePlus 5T infatti si lancia nel campo dei display a tutto schermo, con un Full Optic AMOLED da 6 e il rapporto 18:9 che sta facendo la fortuna dei telefoni top di alcuni concorrenti. A questo ha aggiunte alcuni funzioni interessanti: grazie a un algoritmo integrato nel software, per esempio, il display si adatta automaticamente alle condizioni di luce più difficili. Inoltre gli utenti possono calibrare lo schermo in base alle proprie preferenze di visualizzazione, impostandola su quattro diverse modalità: predefinita, sRGB, DCI-P3 e adattiva. Per avere tutto questo, il sensore per le impronte digitali in ceramica, capace di sbloccare il telefono in meno di 0,2 secondi, è stato portato sul retro del dispositivo, il tutto per un design elegante e un corpo sottile ma comunque resistente. Insomma: bello da vedere e comodo da tenere in mano.

Catta-kSRD-U110110461833264xG-1024x576@LaStampa.itRiguardo alla fotocamera posteriore da 16 mpx, è la stessa presente su OnePlus 5; ma in più si aggiunge una fotocamera secondaria da 20 mpx, ottimizzata con un’ampia apertura di f/1,7 per scattare foto in condizioni di scarsa luminosità e arricchita dalla tecnologia Intelligent Pixel che combina 4 pixel in 1 riducendo il livello di rumorosità negli ambienti poco illuminati e migliorando la nitidezza dell’immagine.Ulteriori migliorie a livello di software sono state aggiunte alla modalità Ritratto per ottimizzare la riduzione della rumorosità, mentre la fotocamera fontale è da 16 mpx con apertura f/2,0.

Il sistema operativo è quello di OnePlus, ovvero OxygenOS: offre un’esperienza ottimizzata di Android, più veloce, più pulita e più personalizzabile. La maggiore novità è Face Unlock, il sistema di riconoscimento facciale per sbloccare il dispositivo che utilizza oltre 100 punti di identificazione dei tratti del viso: si tratta di un riconoscimento fotografico e non evoluto come quello di iPhone X, ma l’azienda comunque sostiene sia molto preciso. Vedremo. Altra caratteristica interessante è la ricarica rapida, una delle più rapide in assoluto: in mezz’ora porta il livello della batteria ad un uso per un intero giorno. Questo anche durante l’utilizzo del Gps o la riproduzione di giochi particolarmente pesanti graficamente. Infine le prestazioni: la Ram arriva fino a 8 GB per un multitasking senza intoppi e il sistema di archiviazione “a doppia corsia” assicura il caricamento delle app rapido e con maggiore velocità di lettura e scrittura. Il processore è il  Qualcomm Snapdragon 835, il massimo che c’è sul mercato.

Prezzo e disponibilità OnePlus 5T arriva in tagli da 64 Gb-6 Gb di Ram e da 128 Gb e 8 Gb Ram di memoria nel colore midnight black. Sarà disponibile su oneplus.nel/5t a partire da martedì 21 novembre e soltanto quel giorno sarà disponibile presso SlamJam Pop-up store a Milano in Via Pasquale Paoli, 3. Il prezzo iniziale è di 499 euro per la versione da 64 Gb e di 559 euro per la versione da 128 Gb. Interessante.

Tag: , , , ,