Tra poche settimane, in coincidenza con il voto europeo, gli elettori belgi saranno chiamati anche a rieleggere i parlamentari federali e i componenti delle assemblee regionali. La consultazione sarà fondamentale per il futuro del Belgio, la cui unità appare sempre più in discussione.

In effetti, dopo decenni durante i quali comunque si è comunque sempre fatto i conti con un sistema politico spezzato tra valloni e fiamminghi (con un partito liberale del Nord e uno del Sud, un partito socialista del Nord e uno del Sud, ecc.), ora la polarizzazione sembra destinata a crescere. Gli ultimi sondaggi (barometro politico LaLibre/RTBF/Dedicated) danno fortissima tra i fiamminghi La Nuova Alleanza Fiamminga (N-VA), accreditata di un 32,9% tra gli elettori fiamminghi, mentre in Vallonia il partito che prevale è quello socialista di Di Rupo, che potrebbe ottenere il sostegno del 29,3% dei valloni. In questa situazione, l’unità politica è sempre più a rischio.

I fiamminghi, che sono maggioranza linguistica e ancor più economica, appaiono quindi orientati a dare massicciamente il proprio sostegno a una formazione separatista, collocata sul centro-destra, volta a difendere gli interessi dei “produttori” fiamminghi ormai stanchi di finanziare politiche assistenziali a sostegno della parte meno avanzata del Paese. In questa situazione, se i valloni puntano su un partito socialista affezionato alla spesa pubblica e determinato a sostenere scelte redistribuitive, la possibilità di una dissoluzione del Belgio si fa ancora più forte. Nel contrasto tra Nord e Sud, in effetti, all’asse linguistica che contrappone quanti parlano francese e quanti parlano neerlandese, e all’asse economica che oppone chi dà più di quanto non riceva e chi riceve più di quanto non dia, si aggiunge ora anche il contrasto – fondamentale nell’epoca contemporanea – tra liberalismo e socialismo.

La Nuova Alleanza Fiamminga è infatti un partito liberalconservatore e moderato, che si oppone a una spesa pubblica eccessiva, al dilatarsi della burocrazia, alla tassazione da rapina. Al Sud invece crescono i socialisti, mentre i liberali valloni del Movimento Riformatore sembrano perdere punti percentuali rispetto a precedenti rilevazioni.

Le Fiandre chiedono l’indipendenza e meno intrusione dello Stato. La Vallonia si sforza di salvare l’unità belga e sposa logiche stataliste. Difficile che un matrimonio così malriuscito possa durare a lungo.

 

Tag: , , , ,