Si profila un’inversione di tendenza, per l’Italia, dopo anni e anni di statalismo selvaggio? Lo sfondamento della spesa pubblica (con un debito alle stelle che minaccia il futuro dell’intera economia) sta iniziando a preoccupare l’opinione pubblica? Inizia a profilarsi, per la prima volta, una qualche domanda di “meno Stato e più mercato”, che sfoltisca la burocrazia, riduca una tassazione ormai asfissiante ed elimini una larga parte della regolamentazione? Non è escluso che questo possa avvenire, come anche il dibattito politico di queste ultime settimane – anche al di là dei “rumors” più o meno attendibili – sembra in parte testimoniare.