La bolla cinese, vista da un austriaco

Senza titolo1

La bolla cinese è esplosa definitivamente, scatenando il panico sui mercati di tutto il mondo. La spiegazione mainstream è che la crisi del dragone dipenda dal rallentamento del Pil. La Cina non cresce più (o meglio: cresce sempre meno), gli investitori perdono fiducia nei suoi titoli e vendono, facendo registrare alla borsa risultati negativi in doppia cifra, che alimentano ulteriormente il panico e le vendite. Facile no? Così com’è facile trovare il colpevole di questa nuova crisi: il Mercato, che anche in questa occasione avrebbe “bruciato” (?!) i risparmi delle famiglie. Io non sono un economista, ma diffido istintivamente delle […]

  

Sicuri che sia (sempre) colpa dell’austerity?

Schermata 2015-08-06 alle 13.36.39Schermata 2015-08-06 alle 14.14.04

Il premier l’ha detto chiaro e tondo: a settembre verrà presentato il (nuovo) piano di revisione della spesa pubblica. Tra il dire e il fare c’è di mezzo il… consenso elettorale. Ma è pur sempre più saggio mantenere un atteggiamento propositivo che metta il governo alle strette, piuttosto che fornirgli sul piatto d’argento l’occasione di incolpare l’ostilità di noialtri gufi dell’impraticabilità della spending review. A quanto trapela dalle prime indiscrezioni, il grosso dovrebbe essere costituito da un ridimensionamento degli sgravi fiscali. Meglio di niente, ma si potrebbe fare di più. Qualche esempio, il governo potrebbe trarlo dal Regno Unito. È […]

  

Il blog di Giacomo Lev Mannheimer © 2018