ballando

Perdere? Non se ne parla. Chi la conosce, lo sa bene. Milly Carlucci, sanguinaria della televisione pubblica, odia arrivare seconda. Solo l’idea la fa infuriare. Figuriamoci se il suo Ballando con le Stelle poteva essere battuto da un altro programma per il premio categoria Social. Non sia mai!

Le regole erano chiare: ad ogni programma era stato assegnato un suo hashtag dedicato alla manifestazione. Il più twittato in assoluto entro le ore 21: 00 del 25 maggio, avrebbe decretato il vincitore del premio.
Insomma, chi più ne ha, più ne twitti.

Poteva andare tutto liscio? No. Ovviamente. Un lungo elenco di account fasulli di Twitter hanno cominciato a spuntare come i funghi, destando l’attenzione di qualche utente molto social. E molto attento. L’hashtag “infuocato”, casualmente, è stato #PRTVBallando10 (dedicato a Ballando con le Stelle, il talent vip della Carlucci). Secondo alcuni maliziosi, la produzione del programma si sarebbe avvalsa della facoltà di acquistare questi tweet fake in modo da aumentare il volume dei tweet e scalare la classifica con più facilità.

La Rai, anche dopo la minaccia di Facchinetti di ritirarsi, insieme a The Voice, dalla gara social, aveva cambiato anche il regolamento, conteggiando un solo voto per ogni account. Quindi? Polemica finita? Tutto regolare?

A pensar male si fa peccato, ma spesso ci s’azzecca. Lungi dal credere che ci siano state “irregolarità”, figuriamoci, a viale Mazzini la trasparenza la fa da padrona. Quella dei vetri delle finestre, ovviamente.

Però, che la Carlucci nazionale non sia molto incline a perdere, è un dato di fatto. L’unica conduttrice ad aver avuto il potere di far “sparire” interi blocchi pubblicitari solo per non perdere qualche manciata di telespettatori rispetto alla concorrenza. Il tutto con il benestare della dirigenza della tv di Stato. Un potere mica da poco. E ci si può stupire che il polverone delle votazioni fasulle abbia riguardato proprio il programma della bionda conduttrice?

Io, maliziosamente, non mi stupisco.

Tag: , , , , , ,