C’è un Uomo, un grande Uomo, un Uomo con la U maiuscola, un grande professionista, un onesto e umile servitore dello Stato che ha fatto delle sua vita una giornaliera battaglia contro le mafie e sopratutto contro ‘Ndrangheta. Questo Uomo ha un nome e un cognome: si chiama Nicolo Gratteri, il Procuratore AntiMafia anzi anti Ndrangheta. In una delle molteplici conferenze che fa in giro per l’Italia per spiegare cosa rappresenti realmente ‘Ndrangheta, come si muova e che pericolo rappresenti: lancia spesso anche delle proposte alle istituzioni che sono preposte a legiferare e che dovrebbero immediatamente coglierle trasformandole in realtà. Ma che purtroppo la maggior parte delle volte non lo fanno. Una delle più importanti e utili che propose per contrastare la mafia e ‘Ndrangheta è stata quella degli agenti sotto copertura. Grazie proprio agli agenti sotto copertura ha spiegato più volte il Procuratore Gratteri si sono ottenuti risultati importanti nella lotta al traffico internazionale di armi e droga, anche contro la mafia questa attività, di cui gli americani sono maestri, può risultare determinante. E sconfiggere la mafia anche infiltrando al suo interno agenti sotto copertura è una delle ricette più efficaci che esistano nella lotta alle organizzazioni mafiose. Questa ricetta è stata individuate dal gruppo di lavoro per la riforma delle norme contro la criminalità organizzata, coordinata dallo stesso Gratteri. Stiamo parlando di uomini altamente selezionati e preparati che per mesi rinunciano a ogni contatto con familiari e forze dell’ordine, che possano girare con armi non convenzionali per meglio calarsi nei panni del criminale e la cui identità venga lasciata segreta anche in udienza davanti al giudice. Questa sarebbe una proposta molto valida che mi sento di rilanciare come cittadino a cui ogni idea e azione che vada a contrastare costantemente e concretamente il malaffare, la mafia e ‘Ndrangheta mi vede in prima linea. Il neo governo Giallo-Verde e sopratutto a chi come il Ministro dell’Interno Matteo Salvini ha sempre concretamente dimostrato una grande attenzione e affetto verso il comparto sicurezza e sopratutto verso la lotta decisa, dura e concreta contro ogni tipo di malaffare e contro le organizzazioni criminali di stampo mafioso dovrebbero sin da subito creare le condizioni perché la proposta degli agenti sotto copertura possa concretizzarsi. Caro Ministro Salvini mi permetto di lanciarle un consiglio: instauri un costante confronto con il Procuratore AntiMafia Nicolo Gratteri dal quale per la sua importante ed autorevole esperienza maturata dopo anni e anni di duro lavoro sul campo e sulla strada nella vera lotta contro la mafia e sopratutto contro la più potente delle mafie presenti oggi in quasi tutto il mondo cioè ‘Ndrangheta potrà sicuramente arricchire il suo bagaglio culturale su tutte quelle sfaccettature di come operano le associazioni mafiose e sopratutto sui metodi più efficaci per poterle combattere concretamente e non solo a slogan come ha fatto per troppi anni la politica e come hanno fatto i vari governi che si sono succeduti. Qualsiasi metodo convenzionale e non dovrebbe essere messo in campo quotidianamente nella lotta contro la Mafia e l’ndrangheta. Caro Ministro Salvini io sono Andrea Pasini un giovane imprenditore che risiede in un comune nel Sud-Ovest milanese, uno dei comuni conosciuto per la cronaca giudiziaria: Buccinasco, Trezzano Sul Naviglio, Corsico, Cesano Boscone e Rozzano dove per anni l’Ndrangheta e il malaffare l’hanno fatta da padroni e dove la gente onesta e per bene si è stancata di dover convivere con questa gentaglia ed avere anche paura solo di guardarla mentre passeggia per le vie del proprio paese. Lei e questo Governo avete l’obbligo morale e civile di ascoltare i consigli di chi tutti i giorni sul campo combatte ‘Ndrangheta ed il malaffare con spirito di abnegazione e sa quali sono gli strumenti più idonei per poterlo fare come il Procuratore Antimafia Nicolo Gratteri. I quali strumenti devono essere forniti concertante ed urgentemente da voi che rappresentate il potere legislativo e che potete dalla parole trasformare una idea in un fatto concreto alla magistratura. La maggioranza degli italiani crede in lei e nella sua capacità Caro Ministro Matteo Salvini di trasformare le promesse in fatti concreti. Per cui anche in questo caso caro Ministro sappia cogliere il consiglio del Procuratore Gratteri riguardo la possibilità di instituire per legge la possibilità di poter utilizzare gli agenti sotto copertura per combattere il malaffare e le mafie. www.IlGiornale.it

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , ,