Limitare l’uso del contante per incoraggiare i pagamenti con le carte elettroniche che è una delle idee che vuole imporci il Governo è la certificazione ufficiale dell’idiozia del ceto politico che abbiamo eletto. Ma come
si fa a non scagliarsi contro la una manovra così stupidaggini varata da questo governo di estrema sinistra che di fatto viola la libertà delle persone. Un qualsiasi lavoratore, autonomo o dipendente, quando incassa il compenso per una propria prestazione professionale, è obbligato in anticipo a pagare una imposta. Io ad esempio percepisco uno stipendio dall’azienda nella quale lavoro che mensilmente mi viene accreditato sul conto corrente in banca. Va da sé che se tale conto è intestato a me il contenuto del medesimo è mio e di conseguenza ne faccio ciò che voglio nella mia piena libertà e nessuno si deve permettere di sindacare ne dirmi cosa debbo o casa non debbo fare con i miei soldi che derivano dai sacrifici che tutti giorni faccio per guadagnarmi onestante il mio stipendio.
E invece purtroppo no! Perché lo Stato pretende che i soldi depositati nell’istituto di credito non siano completamente a disposizione del titolare cioè miei. Ne puoi prelevare un po’, tremila euro al mese quest’anno, il prossimo solo duemila e infine mille. Ciò secondo le nuove norme studiate dall’esecutivo più imbecille della storia della nostra repubblica e più di sinistra. Quel sopraelevato del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte è convinto che vietando il traffico dei liquidi si riduca l’evasione. Questa è l’ultima imbecille trovate dell’esecutivo giallo rosso. Se lo Stato desidera ficcare il naso nei nostri risparmi lo faccia andandoli a spulciare in banca, e se vi trova introiti non denunciati agisca in base alla legge. Ma non venga a rompere le scatole agli Italiani onesti che denunciano persino i centesimi e che devono essere liberi con i propri soldi di farci ciò che vogliono. Io pretendo di spendere i miei quattrini come e nella quantità che voglio e non permetto a nessuno di venire a sindacare su quanto devo o non devo ritirare e spendere in contanti se questi sono frutto di un lavoro onesto sul quale ho pagato le tasse e’ chiaro! Movimento 5 stelle, Partito Democratico e Leu con la loro mentalità mentecatta comunista hanno deciso di intraprendere questa guerra personale Che passa dalla rappresaglia contro chi, in totale libertà, decide di spendere i propri soldi come meglio crede ossia tramite l’uso del contante. I nostri nonni, ad esempio, si trovano certamente meglio con i contanti che non con gli strumenti elettronici che spesso abbisognano di codici da ricordare. A questi soggetti, che appaiono certamente indifesi di fronte all’oltranzismo ideologico sinistroide di chi governa, si vorrebbe applicare una penale consistente nell’aumento, e non nella restituzione, dell’Iva. Mentre a chi usa le carte, questo aumento verrebbe rimborsato. Si tratta di partiti liberticidi tipici della sinistra estrema che pretendono di gestire dall’alto molti aspetti della nostra vita tra cui anche le modalità di pagamento con cui effettuiamo l’acquisto di beni e servizi. Partiti aggrovigliati all’idea peregrina e legalitaria che chi evade vada appeso per il collo nella pubblica piazza, senza riflettere che forse, prima di scegliere il ramo più robusto, andrebbe resa meno conveniente l’evasione con un’azione molto semplice ABBASSARE LE TASSE che in Italia sono arrivate a livello veramente vessatori. Solo dopo aver drasticamente abbassato le tasse si può anche arrivare a mettere in galera chi non adempie al loro pagamento verso lo Stato. www.IlGiornale.it

Tag: , , , , , , , , , , ,